Vivere Appennino | Storia e curiosità sul marrone del Frignano

Perché uno dei marroni più buoni d'Italia è nato proprio sui nostri Appennini? Un viaggio tra storia, tradizione e folklore montanaro

Non c'è autunno senza marroni e castagne, e qui si apre il dibattito su chi preferisca l'una e chi l'altra, eppure sui nostri Appennini la scelta è quasi per tutti univoca a favore del marrone del Frignano. Tipico della zona di Zocca, questo marrone è presente nel nostro territorio prima dell'anno mille, ovvero quando al posto dei boschi di querce aumentò considerevolmente il numero dei castagneti. Il vantaggio immediato per la popolazione è ben evidente, dato che le castagne avevano quelle proprietà energetiche per poter sostenere l'alimentazione degli abitanti della montagna, e così i castagneti vennero presto chiamati gli alberi del pane. 

Tuttavia, quelli del Frignano non sono castagne ma marroni, e ancor più importante è ricordare quanto essi siano pregiati a confronto delle altre tipologie presenti in Italia. Già infatti dall'epoca medioevale, data la loro importanza a livello nutrizionale, furono controllati dagli esperti di botanica affinché crescessero di numero, ancor più considerando che i proprietari di quei boschi di castagneti erano gli stessi signori proprietari dei terreni. 

Quando nel Seicento e ancor più nel Settecento mais e patata aumentarono la loro importanza sulla tavola dei modenesi, il ruolo della castagna tra gli abitanti degli Appennini non si affievolì e ciò consentì a questi alberi "del pane" di crescere sani. Oggi il marrone del Frignano non ha certo perso la sua importanza culturale, tanto che a Zocca è presente il Museo del Castagno, per comprendere quanto la civiltà montanara fosse legata a questo albero, e grazie al suo nutrimento privo di elementi chimici, è considerato uno dei più sani. 

Ricette tradizionali 

MENNI O CIACCI

RISOTTO DI CASTAGNE

TORTELLI DI CASTAGNE 

CASTAGNACCIO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro alle porte di Pavullo, muore in auto un ragazzo di 19 anni

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Carnevale 2020, tutti gli appuntamenti di Modena e provincia

  • Richiesta di concordato preventivo per la Goldoni Arbos, scatta lo sciopero

  • Rientrato il 29enne di Finale Emilia, ricerche sospese

Torna su
ModenaToday è in caricamento