Festival di Woodstock, tre giorni di musica e pace al parco Ferrari

La Fiera della Musica e delle Arti di Woodstock, meglio conosciuto con il più semplice nome di “Festival di Woodstock”,  si svolse a Bethel, una piccola città rurale nello stato di New York dal 15 al 18 agosto del 1969, quasi esattamente 50 anni fa. Erano gli anni della cultura Hippy, del Flower Power, della protesta dei giovani americani contro la guerra nel Vietnam. 

Il Millybar, al parco Ferrari, vuole far rivivere quella magia, nel suo piccolo, con una coraggiosa tre giorni tutta dedicata a Woodstock e alla cultura musicale e sociale di quel periodo. La scelta, per  motivi organizzativi e di scelta artistica, è stata quella di non coinvolgere “cover band” dei singoli protagonisti di Woodstock ma di invitare due crew di musicisti modenesi a mettersi insieme e inventare il loro personale omaggio a Woodstock.

Ma non ci saranno solo concerti (i principali venerdì 26 e domenica 28 sera) nella tre giorni ma anche racconti, testimonianze, conferenze, dj set, mercatino vintage ed altro ancora. Ecco il programma nel dettaglio.

Si comincia venerdì 26 luglio alle ore 19  con il Mercatino hippye hand made vintage che sarà presente anche nei giorni successivi.

Alle 22 CONCERTO della RED HEAD BAND dal titolo significativo
“Déjà Woodstock 1969-2019: serata-omaggio al Festival Rock più famoso di sempre. Live music & good vibrations. Il pubblico è pregato di presentarsi nudo come Adamo & Eva pronto a tuffarsi nel fango. Pace, amore & borlenghi”. Protagonisti il musicista, giornalista ed animatore culturale Stefano Picca Piccagliani: voce chitarra, Wilko Zanni, leader degli storici RATS alle chitarre, Giulio Stermieri alle tastiere, Daniele Bagni, ex “Ladro di Biciclette” e collaboratore di Piero Pelù al basso, Francesco Coppola alla batteria. La band proporrà i pezzi, tra gli altri, di Crosby Stills Nash, The Who, Joe Cocker, Arlo Guthrie, Canned Heat, The Band, Creedence, Balham Alligators, Santana, Johnny Winter.

Sabato 27 luglio dall18 ,30 a tarda notte SUMMER OF ' 69 DJ SET BY MIRKO COLOMBO & dj J.Paul. Mirko Colombo, "animale radiofonico " per 27 anni voce tra le più amate di Mondoradio riproporrà i suoni e le emozioni "acide" di quella stagione unica, magica e perduta con musica, interviste e  testimonianze.

Alle 21 si interrompe il Dj set per la presentazione del libro “Live in Modena” adattata al contesto dagli autori con questo sottotitolo: “La vera Woodstock durò tre giorni. La Woodstock modenese durò invece dai primi anni '80 al 2000: vent'anni in cui in città arrivò tutto il meglio del rock mondiale. Vent'anni raccontati per parole e immagini da Roberto Franchini, Roberto Menabue e Stefano Piccagliani, autori del libro”. Si racconterà dunque il periodo dei grandi concerti e si raccoglieranno testimonianze dell'epoca.

Domenica 28 luglio alle 0re 20,30 “Sulla strada di Woodstock”. WIKIPICCA Lectio Magistralis di Stefano Picca Piccagliani “'Altamont: il Fratello Cattivo di Woodstock”. La conferenza chiude un ciclo di tre incontri dedicati da Picca a Woodstock e dintorni iniziato nel mese di giugno.

Alle 22 il concerto THE FAMILY DOG ONO BAND . Ecco la loro breve presentazione: “Solo per una notte rivivremo la magia di quello che fu il manifesto di un’Era. Woodstock sarà riproposto da alcune delle band locali più grate a questo periodo storico.” Simone Galassi, Davide Cocconcelli degli Evil Knevil, Cecco Signa dei Cecco and the Lighters, Pierluigi Lanzillotta, Carlo Moretti e Claudio Luppi dei Pip Carter Lighter Maker uniti eseguiranno alcune delle più grandi Hit del Festival rispettando lo spirito che ha cambiato per sempre le nostre vite. Il Rock!!! La band interpreterà molti artisti tra i quali Jefferson Airplane,  Who, Hendrix, Credence, Joe Cocker.

L'ingresso consigliato del Parco Ferrari è quello di via San Faustino. Tutti gli eventi sono come sempre a ingresso gratuito.


 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • “Vita dei grandi nella musica”: quattro appuntamenti per conoscere la musica classica

    • dal 27 gennaio al 6 aprile 2020
    • Centro 'Via Vittorio Veneto’

I più visti

  • Arte. Marina Abramović / Estasi al Teatro Anatomico di Modena

    • dal 8 marzo al 30 giugno 2020
    • Teatro Anatomico
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "Requiem for Pompei", al Mata la mostra fotografica di Kenro Izu

    • dal 6 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Mata
  • "Jules Van Biesbroeck. L'anima delle cose.", inaugura a Modena la mostra del pittore belga

    • Gratis
    • dal 6 dicembre 2019 al 6 giugno 2020
    • Galleria Bper Banca
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento