"Profondo nero” , il neofascismo negli scatti di Filippo Ventura

Filippo Ventura è un fotografo documentarista, classe 1980, con alle spalle importanti pubblicazioni su magazine e quotidiani come The Washington Post, Newsweek, Financial Times, Der Spiegel, Vanity Fair, Internazionale, La Stampa e Geo.

Ha realizzato progetti personali su storie e problematiche riguardanti l'identità e la condizione umana, concentrandosi sulle conseguenze del rapido progresso tecnologico di alcune aree del pianeta; grazie ad un progetto fotografico sulla penisola coreana, si è aggiudicato numerosi riconoscimenti come il Sony World Photography Awards, il LensCulture Emerging Talent Awards, il Premio Il Reportage, il Premio Voglino e il Portfolio Italia - Gran Premio Hasselblad.

I suoi lavori sono stati esposti in Italia e all'estero, tra gli altri, al MACRO - Museo d'Arte Contemporanea di Roma, alla Somerset House di Londra, allo U Space di Pechino, alla Willy Brandt Haus di Berlino, al Kaunas Photo Festival in Lituania, al Sony Square di New York City e al Festival Photolux di Lucca.

Nel 2014 si è impegnato a documentare i nuovi fascisti in Italia, mettendo in luce due strade parallele: quella più concreta e visibile, ovvero i luoghi e le persone che sono spesso sotto i riflettori (“Profondo nero”), l’altra più nascosta che documenta un fascismo più subdolo e, forse, ancora più minaccioso e pericoloso (“C’era una volta il Duce”). Un viaggio intenso e silenzioso tra teste rasate, ritrovi e rievocazioni di eventi storici e nuove manifestazioni fasciste in largo aumento.

Presso la Galleria Fiaf del Photoclub Eyes di San Felice sul Panaro, a partire dal 25 Novembre fino al 23 Dicembre, sarà esposto il progetto completo dell’autore, che sarà presente la sera dell’inaugurazione per raccontare e condividere la sua esperienza in merito alle fotografie in mostra e al suo lavoro di fotogiornalista.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Arte. Marina Abramović / Estasi al Teatro Anatomico di Modena

    • dal 8 March al 30 June 2020
    • Teatro Anatomico
  • "Requiem for Pompei", al Mata la mostra fotografica di Kenro Izu

    • dal 6 December 2019 al 13 April 2020
    • Mata
  • "Jules Van Biesbroeck. L'anima delle cose.", inaugura a Modena la mostra del pittore belga

    • Gratis
    • dal 6 December 2019 al 6 June 2020
    • Galleria Bper Banca

I più visti

  • Arte. Marina Abramović / Estasi al Teatro Anatomico di Modena

    • dal 8 marzo al 30 giugno 2020
    • Teatro Anatomico
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "Requiem for Pompei", al Mata la mostra fotografica di Kenro Izu

    • dal 6 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Mata
  • "Jules Van Biesbroeck. L'anima delle cose.", inaugura a Modena la mostra del pittore belga

    • Gratis
    • dal 6 dicembre 2019 al 6 giugno 2020
    • Galleria Bper Banca
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento