International Roller Cup, il meglio pattinaggio mondiale fa tappa al PalaPanini

Evoluzioni entusiasmanti, gesti atletici straordinari e spettacolari movimenti a ritmo di musica. Anche quest’anno il PalaPanini di Modena ospiterà l’International Roller Cup: un appuntamento giunto alla decima edizione (sette a Modena) che per la prima volta si è sviluppato in due tappe. La prima si è svolta lo scorso 20 ottobre a Bari, il gran finale è atteso a Modena il prossimo primo dicembre. I migliori 24 pattinatori al mondo sono pronti a darsi nuovamente battaglia per aggiudicarsi la decima edizione della manifestazione.

Gli atleti sono stati divisi in quattro squadre ed il punteggio ottenuto dal singolo pattinatore in gara si va a sommare a quello di tutto il resto della squadra. Quest’anno, per ottenere la valutazione definitiva e dunque un vincitore, bisognerà sommare i risultati ottenuti dagli atleti nel corso della tappa di Bari. Quattro le squadre che si affronteranno: Flats Service, U.M. Progetti, Rima e Calf.

Per ogni specialità si devono dare battaglia quattro specialisti nelle categorie singole e quattro coppie nelle specialità di coppia. Al primo classificato vengono assegnati 30 punti, 25 al secondo, 20 al terzo e 15 al quarto. Sarà l’occasione per vedere i migliori atleti al mondo sfidarsi in una competizione che si concentrerà in due ore.

Per l’occasione l’organizzazione dell’evento ha già fissato il prezzo dei biglietti. Due i ticket disponibili: l’intero al costo di 12 euro e il ridotto al costo di 10 euro. Prezzo speciale per gli over 65 che pagheranno 5 euro e per gli under 16 che pagheranno la cifra simbolica di 10 centesimi. 

Acquistabili sul sito www.internationalrollercup.com oppure presso il Palapanini il giorno dell’evento.
Prenotazioni telefoniche al: 3921151137

L’intervista/ Il direttore dell’organizzazione Modena Franco Culcasi

«È un onore per noi ospitare ancora una volta una manifestazione così importante. Modena è diventata la casa dell’International Roller Cup». Con queste parole Franco Culcasi, direttore dell’organizzazione Irc 2019 per Modena, ha commentato la decima edizione della manifestazione. «Modena è una città che ama il pattinaggio su rotelle – ha spiegato Culcasi – ben 28 anni fa è nata la società Junior Sacca che oggi è una realtà affermata che esprime campioni di livello mondiale. Oggi questa polisportiva conta 230 iscritti che si esibiranno domenica primo dicembre in un pres-how: ci saranno varie categorie e sarà un vero e proprio spettacolo». Culcasi si è anche soffermato sullo spazio che il pattinaggio a rotelle dovrebbe avere sui media. «L’arrivo a Modena di così tanti campioni è sicuramente una vetrina importante per il pattinaggio – ha concluso il direttore dell’organizzazione – questa manifestazione è stata pensata per racchiudere in due ore il meglio che questo sport può offrire. Chiaramente l’obiettivo è quello di ottenere visibilità e di realizzare una gara dai tempi televisivi».

Danza e artistico, coppie a caccia del titolo. Tarliazzi e Lucaroni tentano la fuga

La prima giornata di gare dell’International Roller Cup – che si è svolta a Bari lo scorso 20 settembre – ha già delineato la classifica che sarà definitiva solo dopo il gran finale di Modena. Sembrano irraggiungibili Rebecca Tarliazzi e Luca Lucaroni (che gareggiano anche nel singolo) che potrebbero aggiudicarsi il titolo di coppia artistico, ma Esposito e Rossi vorranno sicuramente rendere la vita più complicata possibile agli attuali primi in classifica, in una specialità che vede in gara sole coppie italiane. Più avvincente la sfida in coppia danza, dove Asya Testoni e Giovanni Piccolantonio devono ben guardarsi le spalle dalle altre coppie, su tutte quella composta da Silvia Stibilj ed Andrea Bassi attaccati a mezzo punto di distanza. In questa categoria, però, le coppie sono tutte vicine: in tre punti sono racchiuse anche le altre coppie composte da fratelli Walgolde-Walgode e Souto-Souto. Le gare di Modena, dunque, saranno decisive per conoscere la classifica finale e dunque i nomi delle due coppie che si aggiudicheranno i titoli di danza e artistico. La prima tappa di Bari, dunque, ha contribuito a delineare i valori in gioco e la classifica. Appare evidente, come, almeno per le coppie sia ancora tutto in ballo. La tappa modenese sarà decisiva per avere il vincitore finale. La classifica a squadre invece è la seguente: Flats Service 120 punti; Rima 85; U.M. Progetti 85; Calf 70.

La categoria. Singolari, italiani al vertice

Nei singolari maschili e femminili la classifica è ben delineata e i valori in gara sembrano essere evidenti. Punti alla mano, a farla da padroni sono i due italiani che guidano anche la classifica nella coppia artistico: Lucaroni nel maschile e Tarliazzi nel femminile. Entrambi hanno staccato e non di poco gli inseguitori: La pattinatrice italiana ha totalizzato 61,77, mentre appena 49,95 Letizia Ghiroldi classificatasi seconda.

Luca Lucaroni ha dovuto invece guardare con occhi ben aperti alla prova dello spagnolo Pere Marsinyach, che però non si è avvicinato più di tanto: 77,49 l’italiano e 66,42 l’iberico. Il pattinaggio a rotelle, però, è uno sport che nasconde tantissime insidie e dunque i due supercampioni italiani non devono assolutamente abbassare la guardia e rimanere concentrati. Gli avversari, infatti, sono pronti a sfruttare ogni errore o disattenzione per vincere il titolo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Sport, potrebbe interessarti

I più visti

  • Ripartono le proiezioni al Supercinema Estivo: il programma e le regole

    • fino a domani
    • dal 19 giugno al 5 luglio 2020
    • Supercinema Estivo
  • "Note di Stelle", quattro appuntamenti fra teatro e musica in piazza XX Settembre

    • Gratis
    • dal 20 giugno al 7 luglio 2020
    • Piazza XX Settembre
  • A Modena Est cinema all'aperto nel lunedì sera d'estate

    • dal 29 giugno al 3 agosto 2020
    • Piazza IX Gennaio
  • Riparte a giugno l’estate “in cammino” di Free Walking Tour Modena

    • dal 4 giugno al 7 luglio 2020
    • Modena
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento