"La città del Novecento e il suo futuro", una mostra sulla traformazione urbana alla chiesa di San Carlo

Inaugura sabato 15 dicembre alle 17 nella chiesa di San Carlo in via San Carlo 5, nel centro storico di Modena, la mostra “La città del Novecento e il suo futuro”, che nasce dai lavori sulla storia delle trasformazioni urbane, dalle pubblicazioni sulla città e le architetture del Novecento, dai documentari, dalle mostre allestite con l’Archivio storico comunale, realizzati dall’Ufficio ricerche sulla storia urbana del Comune di Modena. Si potrà visitare gratuitamente fino al 10 febbraio.

Esponendo documenti, fotografie e immagini multimediali che sintetizzano un secolo denso di storie, si propongono ai cittadini frammenti di una narrazione che fa della storia urbana un’occasione di conoscenza e confronto, per valorizzare il significato culturale di ogni progetto di trasformazione urbana presente e futura.

La mostra è stata presentata in anteprima venerdì 14 dicembre alla chiesa di San Carlo da Gianpietro Cavazza, vicesindaco e assessore a Cultura e Scuola, con Catia Mazzeri, responsabile dell’Ufficio ricerche sulla storia urbana del Comune.

L’obiettivo dell’esposizione, hanno detto gli organizzatori, è suscitare curiosità e consapevolezza del processo che ha profondamente mutato la società modenese e il paesaggio urbano, formando una parte fondamentale di città: luoghi di lavoro, abitazioni, servizi sociali, aree verdi, infrastrutture, spazi pubblici e privati di incontro dove prendono vita e forma i progetti personali e il futuro della comunità.

Edifici e spazio pubblico caratterizzano il paesaggio urbano, parte dell’immagine della città, segnano memorie individuali e collettive. La città del ‘900 si fa storia, ridisegna le relazioni tra centro e periferia, vive nel presente, condiziona il futuro.

Per Modena la formazione della “città democratica” nel secondo dopoguerra, è il processo di organizzazione dello spazio per la “città dei diritti”, che oggi si misura con istanze nuove e nuovi contesti economici, sociali e culturali, proponendosi quale luogo privilegiato per nuovi palinsesti urbani, per una nuova idea di città.

La mostra è visitabile gratuitamente da mercoledì a venerdì dalle 10.30 alle 13 e dalle 16.30 alle 19; sabato e domenica dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 19.30; il 24 dicembre dalle 10 alle 12; il 25 e 26 dicembre 2018 e l’1 e 31 gennaio 2019 apre dalle 15 alle 19; il 31 dicembre 2018 e l’1 gennaio 2019 al mattino chiuso; lunedì e martedì chiuso.

Visite guidate sabato 12, 19, 26 gennaio e 9 febbraio 2019 alle 10.30 e 11.30.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Io sono una poesia", in mostra ai Musei Civici l'arte modenese del decennio '62-'72

    • Gratis
    • dal 16 dicembre 2018 al 5 maggio 2019
    • Musei Civici
  • Storie d'Egitto, in mostra la raccolta egizia riscoperta

    • dal 16 febbraio al 7 luglio 2019
    • Musei Civici - Palazzo dei Musei
  • Simona Mulazzani, l'artista dei ragazzi porta il suo nuovo percorso visivo a Palazzo Pio

    • Gratis
    • dal 16 febbraio al 1 maggio 2019
    • Palazzo Pio

I più visti

  • "Le bancarelle" il mercatino delle pulci ogni prima domenica del mese

    • Gratis
    • dal 4 novembre 2018 al 5 maggio 2019
    • Polivalente Sanfa Village
  • Il Palazzo Ducale di Modena apre le porte per le Giornate Fai di Primavera

    • Gratis
    • dal 23 al 24 marzo 2019
    • Palazzo Ducale di Modena
  • Pd Modena, a Ponte Alto cinque settimane di Festa di Primavera

    • Gratis
    • dal 22 febbraio al 31 marzo 2019
    • Ponte Alto
  • Trasparenze Stagione, sette appuntamenti tra musica, teatro, circo contemporaneo, danza e progetti socio-culturali

    • dal 16 ottobre 2018 al 5 aprile 2019
    • Teatro dei segni
Torna su
ModenaToday è in caricamento