Weekend alla sala Truffaut per parlare di poesia

Straordinario film proposto alla sala Truffaut sabato 3 febbraio alle ore 21,15 e domenica 4 febbraio alle ore 18 e 20,30. Per “Spazio aperto – Inediti e riscoperte” il Circuito Cinema propone in prima visione esclusiva POESIA SENZA FINE  (Cile 2016, 128’) di Alejandro Jodorowsky. Santiago del Cile, al debutto degli anni ’50. Jodorowsky ha vent’anni e il desiderio di diventare poeta contro il parere del padre che lo sogna medico, ricco e borghese. Intrappolato nell’ennesima riunione di famiglia, recide (letteralmente) l’albero genealogico e ripara in una comune di artisti avanguardisti per coltivare finalmente il desiderio ardente.

Ispirato dai più grandi maestri della moderna letteratura latino americana (Enrique Lihn, Stella Diaz, Nicanor Parra) e immerso nella sperimentazione poetica, Alejandro farà la sua rivoluzione culturale. Con questo film, Jodorowsky invita lo spettatore al viaggio. Un viaggio introspettivo che pesca ancora una volta nella sua biografia e nel suo universo fantasmatico, dischiudendo la stagione rocambolesca dell’adolescenza e muovendo verso l’età adulta delle prime espressioni artistiche, dei primi turbamenti sentimentali. 

L’artista prosegue il racconto giocoso e caricaturale della sua esistenza, inventando e reinventando un altro cinema, personale, libero, senza limiti. Un cinema taumaturgico abitato da creature fantastiche che sembrano fuggite dall’immaginario felliniano. Poeti, clown, nani, ballerine e giocolieri scendono in pista per salvare quello che possono con un atto poetico prodigioso. Su tutti dominano Stella Diaz, poetessa dai seni opulenti e i capelli rossi, che inizia Alejandrito al seso e alla bellezza aggrappata a un’erezione senza fine, Enrique Lihn compagno di notti liriche ed alcoliche che interpreta la poesia in azione e prosegue tutto dritto fino al mattino, Pequenita, nana che vuole crescere con l’amore. Opera immensa, audace e generosa.

Poesia senza fine comincia dove si interrompe la danza della realtà, cronaca dell’infanzia cilena dell’autore. Se la madre canta sempre il suo ruolo come in un film di Demy e il padre, tiranno domestico, vende ancora lingerie umiliando i poveri, a crescere è Alejandrito, eroe adolescente, esaltato e scapigliato che chiude coi genitori e abbraccia la carriera di poeta.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Cinema d'essai, sei imperdibili appuntamenti con il grande cinema all'Auditorium Enzo Ferrari

    • dal 17 ottobre al 12 dicembre 2019
    • Auditorum Enzo Ferrari
  • "Montalcinema", si apre la rassegna cinematografica a Mirandola

    • dal 15 novembre al 15 dicembre 2019
    • Auditorium Rita Levi Montalcini
  • Teatro Facchini di Medolla, la programmazione di fine 2019 tra proiezioni evento e pellicole internazionali

    • dal 3 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Teatro Facchini

I più visti

  • McCurry, 70 immagini scattate in ogni angolo del mondo dedicate alla passione per la lettura

    • dal 13 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Palazzo dei Musei, Sala Mostre e Gallerie Estensi
  • Parva Naturalia, in Piazza Grande il tradizionale mercatino d’un tempo con le strenne di Natale

    • Gratis
    • dal 7 al 23 dicembre 2019
    • Piazza Grande Modena
  • Psicologia tibetana, meditazione, intelligenza emozionale: Conferenze e Workshop Gratuito

    • Gratis
    • dal 16 ottobre 2019 al 22 gennaio 2020
    • CEA
  • Il Capodanno 2020 in Piazza Roma diventa “La Notte della Taranta"

    • Gratis
    • 31 dicembre 2019
    • Piazza Roma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento