Rwanda, 20 anni dopo: il genocidio raccontato in uno spettacolo-inchiesta alla Tenda

A vent’anni dal genocidio che sconvolse il Rwanda e il resto del mondo, venerdì 12 dicembre va in scena alla Tenda di viale Molza “Rwanda. Dio è qui”, opera di teatro civile e di narrazione per ricordare l’evento che produsse quasi un milione di vittime. La serata, promossa dall’Ufficio politiche europee e relazioni internazionali del Comune di Modena in collaborazione con Amnesty international, inizia alle 20.30. L’ingresso è libero e consigliato a un pubblico di età superiore ai 14 anni.

Lo spettacolo-inchiesta sul genocidio è realizzato da Marco Cortesi e Mara Moschini che mettono in scena una storia di dignità e fratellanza di un uomo e una donna capaci di un gesto di straordinario coraggio, in grado di scuotere le coscienze. A condurre la serata, Liliana Cereda, coordinatrice del gruppo studio Africa di Amnesty international Italia.

Marco Cortesi e Mara Moschini, tra i più apprezzati autori e interpreti della nuova generazione di teatro civile e di narrazione, già arrivati al successo con “La scelta”, attraverso un attento lavoro giornalistico e di ricerca storica riportano in vita alcuni degli eventi storici più importanti del passato per capire il presente.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Note di Stelle", quattro appuntamenti fra teatro e musica in piazza XX Settembre

    • Gratis
    • dal 20 giugno al 7 luglio 2020
    • Piazza XX Settembre
  • A Modena Est cinema all'aperto nel lunedì sera d'estate

    • dal 29 giugno al 3 agosto 2020
    • Piazza IX Gennaio
  • Giardini d'Estate, tutti gli appuntamenti di luglio al Parco Ducale

    • dal 10 al 31 luglio 2020
    • Giardini Ducali
  • "Serate a Corte", per tutto luglio torna l'appuntamento al Castello di Montegibbio

    • Gratis
    • dal 3 luglio al 8 agosto 2020
    • Castello di Montegibbio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento