Le applicazioni per studiare inglese

Desideri migliorare o aggiornare la tua conoscenza dell'inglese? Ecco 5 applicazioni che fanno al caso tuo

Se in questo periodo di quarantena o di ripartenza stai pensando come puoi migliorare la tua conoscenza dell'inglese, sono disponibili numerose applicazioni che possono fare al caso tuo. Vediamone alcune:

Duolinguo

E' probabilmente una delle più famose tra queste applicazioni, anche perché consente di imparare velocemente l'ingese. Ottimo per i principianti e si consiglia di utilzizarlo almeno una ventina di minuti ogni giorno. Il principio è installare nella mente dello studente sette nuove parole ad ogni lezione.

Babbel

Altra applicazione molto diffusa con particolare focus sul vocabolario, in grado di aiutarti ad acquisire le conoscenze di base e migliorare le tue capacità di comrpensione della lingua inglese.

Learn English Grammar

E' la nota applicazione creata a seguito dei già noti libri di testo. L'applicazione, come dice il nome stesso, è focalizzata molto sullo studio della grammatica inglese, e comprende 12 argomenti di grammatica con 20 attività per argomento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mosalingua

E' l'applicazione per imparare l'inglese che utilizza diversi metodi di apprendimento efficaci, sfruttando il metodo di ripezione delle parole, in modo da installarle nella mente dello studente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come memorizzare meglio ciò che si studia: il metodo dei 25 minuti

  • Didattica a distanza. Prorogato il termine per acquisto materiali con la Carta del docente

  • Corsi di Grafica Professionale a Modena

  • Imparare a cucinare: 4 canali di YouTube da seguire

Torna su
ModenaToday è in caricamento