Movecit, focus in città per studiare la mobilita sostenibile

Due giorni modenese per i partner stranieri del progetto cofinanziato dall’Unione europea per incentivare un cambiamento nelle modalità di spostamento dei dipendenti

È stata la città di Modena, dopo Moravske Toplice in Slovenia, Brno in Repubblica Ceca, Baden in Austria e Banska Bystrica in Slovacchia, a ospitare, nelle giornate di lunedì 12 febbraio e oggi, martedì 13, i dieci partner di Movecit, il progetto cofinanziato dall’Unione europea per incentivare forme di mobilità sostenibile.

Il progetto, con un costo complessivo di 1 milione 500 euro e un cofinanziamento UE per oltre 1 milione e 280 mila euro (di cui 157 mila euro destinati al Comune di Modena), ha l’obiettivo di promuovere un cambiamento nelle modalità di spostamento dei dipendenti degli Enti pubblici coinvolti attraverso l'adozione di Piani della Mobilità per gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti pubblici.

Nella due giorni a Modena, organizzata in occasione del Comitato di Pilotaggio e Gruppo di Lavoro e della Riunione di revisione del progetto di medio periodo, i partner hanno fatto il punto sulle attività svolte, condividendo esperienze e risultati ottenuti, e hanno definito le attività future.

Nella giornata di oggi, in particolare, i partner sono stati ricevuti e salutati dall’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni, durante un incontro nella sala del Consiglio comunale in Municipio. L’iniziativa in città è stata inoltre l’occasione per partecipare a una study visit volta a illustrare le iniziative e le migliori prassi messe in campo negli ultimi anni insieme alle varie realtà lavorative e produttive locali, in tema di spostamenti casa-lavoro dei dipendenti. Dopo la visita al polo intermodale della Stazione ferroviaria, a Piazza Dante e all’area Porta Nord, dove sono già stati avviati i lavori di riqualificazione per la trasformazione in piazza ciclo-pedonale con nuovi servizi dedicati al potenziamento della mobilità sostenibile, il gruppo si è recato presso il Policlinico di Modena, dove gli sono state illustrate esperienze nel campo del mobility management dall'Azienda Ospedaliero-Universitaria e dall’Agenzia per la Mobilità (progetto Mossa). Ai partner è stato infine illustrato  il progetto Bike to work, già cofinanziato dal Ministero dell'Ambiente, che prevede tra le altre iniziative anche l’erogazione di incentivi economici ai cittadini che si recano al lavoro in bicicletta.

Il progetto Movecit, finanziato da "Interreg Central Europe" 2014-2020, il programma dell'Unione europea che promuove la cooperazione oltre confini in tema di innovazione, energia, risorse naturali e culturali e trasporti tra i Paesi dell'Europa Centrale coinvolti, è iniziato il nel giugno del 2016 e terminerà  a maggio 2019.

Tra le azioni previste dal progetto, lo sviluppo e l'adozione di un Piano della Mobilità dell'Ente, anche attraverso questionari rivolti ai dipendenti sulle abitudini di viaggio e con il coinvolgimento di organizzazione ed Enti che si occupano di mobilità sostenibile e sostenibilità ambientale, e attività di formazione sugli strumenti e lo sviluppo del Piano. È inoltre prevista la realizzazione di un'azione pilota: a Modena, contestualmente all'approvazione del Piano, verranno installati sensori contatraffico in grado di differenziare le diverse componenti di mobilità, che potranno contribuire al monitoraggio degli effetti legati alle politiche messe in campo per gli spostamenti casa-lavoro.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Ecco perché Benji e Fede si separano

  • Sproloquio 2020 della Famiglia Pavironica, il testo in dialetto

  • Auto ribaltata in via Fratelli Rosselli, disagi al traffico

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento