Abbattuti alcuni pioppi del filare di accesso a Villa Sorra: "Cosa dice la Soprintendenza?"

Nel Parco di Villa Sorra abbattuti diversi esemplari di un filare di pioppi storici. Chissà se prima di venire abbattuti i pioppi sono stati adeguatamente curati. Le piante abbattute dovranno essere quanto prima sostituite e le rimanenti curate in modo adeguato. Non è chiaro inoltre da chi sia stato effettuato l’abbattimento, considerato che alla fine dell’anno scorso è scaduto l’appalto per la ditta incaricata della manutenzione del verde.

Nel Parco di Villa Sorra sono stati abbattuti diversi esemplari di un filare di pioppi storici. Lo rendono noto le tre Liste Civiche  - Nuovo San Cesario, Amo Nonantola e Frazioni e Castelfranco - che hanno già presentato una richiesta di chiarimenti all’Amministrazione di Castelfranco, per capire, in primis, cosa stia scritto, non solo nella perizia tecnica che ha sancito la necessità dell’abbattimento, ma anche nell’autorizzazione necessariamente concessa dalla Soprintendenza, visto che trattasi di piante vincolate dal Codice dei Beni Culturali.

"Alberi di queste dimensioni, dovrebbero essere curati fino alla loro fine, quali interventi fitosanitari sono stati effettuati in passato per salvaguardare la bellezza e la maestosità delle piante  del viale che conduce alla Villa? - si domandano gli esponenti dei gruppi civici dei tre comuni coinvolti nella gestione del parco -  Il pensiero corre ovviamente alle siepi di bosso presenti da quasi duecento anni all’ingresso del Giardino Storico di Villa Sorra, che l’estate scorsa stavano miseramente deperendo".

"Le piante abbattute dovranno essere quanto prima sostituite e le rimanenti gestite con una cura speciale, degna di quell’opera d’arte, che la Storia, per fortuna, ha voluto regalare al nostro territorio. Non è chiaro inoltre da chi sia stato effettuato l’abbattimento, considerato che alla fine dell’anno scorso è scaduto l’appalto per la ditta incaricata della manutenzione del verde. Proroghe non ne sono state concesse, anche perché il contratto d’appalto non lo prevedeva. Chi e con quali mezzi ha dunque provveduto ad un abbattimento così imponente? Chi provvederà, quanto prima ci auguriamo, alla rimozione delle ceppaie ed alla piantumazione di nuovi alberi? La Villa è ad oggi in uno stato di vergognoso degrado, con lo scalone prospiciente il Giardino Storico distrutto ed invaso dalle erbacce. Cosa vedranno questa primavera le centinaia di persone che andranno a farsi una passeggiata in uno dei luoghi più belli dell’intera Regione? Siepi di bosso rinsecchite? Il viale di accesso alla Villa monco di alberi? Ci auguriamo che il verde del Parco, almeno, venga trattato con una sensibilità diversa". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Comuni di Modena ,San Cesario , Castelfranco, Nonantola datevi da fare! Reperite fondi e affidate a persone competenti la cura di un patrimonio artistico così unico. Il giardino è un dei più begli esempi di giardino romantico esistente. Lo facciamo morire rinsecchito?

Notizie di oggi

  • Politica

    Linee ferroviarie Fer e Tper, pendolari a piedi per oltre 1.300 volte lo scorso anno

  • Cronaca

    Si ubriacano e vandalizzano le auto, due 19enni modenesi denunciati in Riviera

  • Politica

    Manifestazioni parallele, due cortei anarchico-antagonisti per il 25 Aprile

  • Economia

    Vendite delle MPMI modenesi, il 2018 non lascia troppo spazio ai sorrisi

I più letti della settimana

  • Va a prendere il figlio fermato per guida in stato di ebbrezza, ma viene multata per mancata revisione

  • Gli eventi da non perdere a Pasqua e Pasquetta a Modena e provincia

  • "Mangiatoia finita", Salvini commenta il fallimento del bando per i richiedenti asilo

  • Carpi. Pedone travolto e ucciso da un furgone in via Marx

  • Giovane accoltellato alla fermata dell'autobus, aggressore inseguito e arrestato dalla Polizia

  • Sparano ad un pedone con una fiocina, arrestati due evasi

Torna su
ModenaToday è in caricamento