Italpizza, salta la visita dei consiglieri comunali. "Motivi di sicurezza"

L’azienda di San Donnino annulla la visita prevista per sabato mattina da parte del Consiglio Comunale di Modena per evitare la contromanifestazione dei SI Cobas

I vertici di Italpizza annullano la visita allo stabilimento di San Donnino, prevista per sabato 23 Febbraio e proposta ai membri del Consiglio Comunale di Modena. La motivazione sarebbe da riscontrare nella reazione che l'evento avrebbe sollecitato nel sindacato Si Cobas: "Avendo nel pomeriggio ricevuto avviso di una concomitante manifestazione da parte dei Si Cobas davanti ai cancelli dell’azienda si è preferito posticipare l’incontro a data da destinarsi per motivi di sicurezza e a garanzia dell’incolumità degli ospiti attesi". 

“E’ con dispiacere che ci vediamo costretti ad annullare quella che per noi – precisa Andrea Bondioli, Responsabile Finanziario di Italpizza – era e resta una diretta occasione di dialogo ed incontro con la massima istituzione cittadina modenese. Avevamo rivolto l’invito a tutti i Consiglieri Comunali, e come tale poteva essere accolto o rifiutato, certi che la conoscenza diretta delle situazioni ed il dialogo restino presupposti imprescindibili per elaborare una informazione corretta e coerente alla realtà, soprattutto da parte di chi si onora della rappresentanza istituzionale e politica dei nostri concittadini”.

E' utile sottolineare che il sindacato autonomo non aveva formalmente comunicato alcuna manifestazione di protesta, ma si era limitato a commentare in modo critico l'iniziativa dell'azienda con la quale è aperta da mesi una dura vertenza. "Forse i vertici di Italpizza non hanno ancora compreso che l'unico modo di risolvere le gravissime problematiche interne è la convocazione urgente del tavolo sindacale - aveva scritto il sindacato - Non è ancora giunta infatti alcuna risposta da parte dell'azienda e delle cooperative alla nostra ennesima richiesta di incontro per cominciare quel percorso di revisione dei contratti e dei turni, accordato ufficialmente in prefettura nel dicembre scorso. Non sarà certo un aperitivo a migliorare la condizione delle centinaia di lavoratrici e lavoratori impiegati nello stabilimento: serve al contrario un'assunzione di responsabilità collettiva per affrontare e normalizzare il sistema-Italpizza".

L'invito di Italpizza aveva trovato una risposta a dir poco fredda anche in una parte della maggioranza in consiglio comunale, quella di Simistra Unita Modena: "L'invito a visitare l'azienda e l'incontro conviviale, sarebbero stati forse e stottolineiamo forse, opportuni se agli impegni presi, fossero seguiti fatti tangibili. Non è stato e non è così, ancora oggi. Le condizioni dei lavoratori Italpizza continuano a rispecchiare quelle passate, oltre che prive di alcun miglioramento. E, in una situazione di accordi disattesi che rasentano lo sfruttamento. Dispiace, ma non è nostra intenzione barattare diritti e dignità delle persone con un aperitivo."

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Auto nel fosso, grave una coppia incastrata nel veicolo capottato

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Lieve scossa di terremoto sull'Appennino modenese

  • Gli eventi da non perdere a Ferragosto a Modena e provincia

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

Torna su
ModenaToday è in caricamento