Dal Consiglio Comunale di Modena un appello contro l'intervento militare in Siria

La presidente Francesca Maletti ha letto in aula un comunicato approvato all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo: no all’uso di strumenti di sterminio

Fare tutto ciò che è possibile per evitare il ricorso a ulteriori violenze nella crisi che sta sconvolgendo la Siria e lavorare affinché a quelle popolazioni martoriate da anni di guerra e di atrocità possano essere risparmiate nuove e più dolorose ferite.

E’ l’appello del Consiglio comunale di Modena rivolto alla comunità internazionale. La presidente Francesca Maletti ha letto in aula oggi, giovedì 12 aprile, un comunicato approvato all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo nel quale, anche richiamando le parole di Papa Francesco, si stigmatizza “l’uso di strumenti di sterminio contro persone e popolazioni inermi” e si invitano i responsabili politici e militari delle potenze internazionali a “scegliere la via del negoziato, la sola che può portare alla pace”.

Nel comunicato si ricorda, inoltre, che l’Italia ha sempre denunciato le atrocità e le violazioni dei diritti umani commesse dal regime siriano, così come non può essere tollerato in alcun modo l’uso di armi chimiche.

“Ma la soluzione per porre fine alla terribile sofferenza del popolo siriano – conclude il comunicato – non può essere quella di una violenza ulteriore. L’unica soluzione possibile passa attraverso l’impegno in tavoli negoziali con l’obiettivo di creare le condizioni di una pace duratura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento