Asili Modena, approvato lo statuto della "Fondazione Cresciamo"

Nominati i componenti del cda del nuovo soggetto finalizzato a gestire servizi educativi e scolastici 0-6 anni. L'approvazione è giunta non senza qualche polemica anche in seno alla maggioranza

Saranno Massimo Terenziani, dirigente responsabile del Servizio diritto allo studio del Comune, Benedetta Pantoli, dirigente dei Servizi educativi zero – sei anni, e Lucia Selmi, ex responsabile comunale del coordinamento pedagogico ora in pensione, i tre rappresentanti nominati dal Comune di Modena nel Consiglio di amministrazione della Fondazione Cresci@mo, finalizzata a gestire servizi educativi e scolastici. Pietro Minozzi, 40 anni, commercialista, e Claudia Zoboli, architetto, e componente del Consiglio di gestione della scuola comunale d’infanzia Saluzzo, sono invece i componenti nominati su indicazione dei genitori. Il revisore dei conti sarà invece Silvana Grillenzoni, commercialista con studio a Modena, che non ricopre altri incarichi in nessun altro organismo partecipato dal Comune. Lo ha annunciato ieri pomeriggio in Consiglio comunale il sindaco Giorgio Pighi, dopo che l’assessore all'Istruzione Adriana Querzè ha presentato la delibera sullo schema di Statuto della fondazione per la gestione dei servizi scolastici ed educativi comunali zero - sei anni. Lo statuto è stato approvato con il voto favorevole del Pd e contrario di Pdl, Idv e Modenacinquestelle.it. Approvato anche l’emendamento Pd che ha modificato un termine dell’articolo 19 dello statuto per valorizzare il ruolo dei Consigli di gestione, quindi dei genitori, nella definizione dei due componenti in loro rappresentanza. Hanno votato a favore Pd, Modenacinquestelle.it e Idv; si è astenuto il Pdl. Respinto invece, con il voto contrario del Pd, favorevole di Idv e Modenacinquestelle.it e l’astensione del Pdl e della consigliera del Pd Ingrid Caporioni, l’emendamento di Eugenia Rossi, Idv, articolato in sette punti che evidenziavano “problemi in relazione alla giurisdizione generale”.

RISORSE - L'assessore ha spiegato la struttura del fondo di gestione, costituito “dalle rendite e dai proventi derivanti dal patrimonio e dalle attività della fondazione, da eventuali donazioni o disposizioni testamentarie, da eventuali contributi attribuiti dallo Stato, da Enti pubblici o dall’Unione Europea, dai contributi dei fondatori e dei sostenitori”. Lo statuto vieta inoltre “la distribuzione di utili di gestione nonché di fondi e riserve durante la vita della fondazione, a meno che non siano imposte per legge”. I membri della fondazione si dividono in fondatore originario (il Comune di Modena), fondatori aderenti (amministrazioni pubbliche oppure organismi di diritto pubblico), sostenitori (persone fisiche o giuridiche, pubbliche o private ed enti che, contribuiscano alla realizzazione dei suoi scopi mediante contributi in denaro, attività di rilievo, attribuzione di beni materiali e immateriali). Con apposito regolamento interno potranno essere istituite particolari categorie di sostenitori, in modo da favorire la più ampia e attiva partecipazione.

ORGANI - Organi della fondazione sono l’assemblea, il presidente, il Consiglio di amministrazione (Cda) e il revisore contabile. In assemblea hanno diritto di voto il fondatore originario (con almeno la metà più uno dei voti complessivi) e i fondatori aderenti in regola con gli obblighi contributivi derivanti dalla loro qualifica. Partecipano ai lavori dell’assemblea, con diritto di parola e senza diritto di voto, anche i rappresentanti dei genitori dei bambini che frequentano le strutture gestite dalla fondazione e i dipendenti. Il Consiglio di amministrazione è composto dal presidente e dai quattro componenti nominati dal fondatore originario. Due di questi sono individuati all'interno di una rosa proposta dal Coordinamento dei Consigli di gestione delle scuole e costituita da genitori dei bambini frequentanti (con priorità ai genitori che fanno già parte dei Consigli di gestione). Tutti i componenti del Consiglio di amministrazione restano in carica per tre anni. Per i rappresentanti dei genitori costituisce causa di decadenza dalla carica la conclusione del percorso scolastico del proprio figlio. Le cariche di presidente, componente dell’assemblea e componente del Consiglio di amministrazione sono gratuite. La fondazione nomina inoltre un revisore contabile e ha facoltà di nominare un direttore, a meno che il ruolo di direzione non sia ricoperto dal presidente. In caso di scioglimento il patrimonio della fondazione andrà al Comune di Modena “per il soddisfacimento di finalità analoghe o a fini di pubblica utilità”.

DIBATTITO - La discussione e il voto della delibera sono arrivati dopo che l’Aula aveva respinto una questione pregiudiziale posta da Michele Barcaiuolo del Pdl. Il consigliere ha chiesto la sospensione della delibera perché “l’iter per l’ottenimento della personalità giuridica della fondazione potrebbe essere interrotto per elusione di norme imperative” e perché la gestione di servizi finora pubblici “da parte di un soggetto privato, qual è una fondazione, può creare un problema con l’autorità garante della concorrenza e del mercato”. Come previsto dal Regolamento comunale, sono seguiti due interventi. A favore della richiesta di sospensiva ha parlato Davide Torrini dell’Udc, sottolineando che la Regione dovrà riconoscere la fondazione valutandone lo scopo, mentre “sarà difficile dimostrarne la necessità per garantire il servizio. Inoltre, finanziando un soggetto privato lo avvantaggeremo rispetto ad altri, alterando il mercato”, ha detto. Contro la richiesta di sospensiva si è invece espresso il capogruppo del Pd Paolo Trande: “Riteniamo che, sulla base dei precedenti, questo percorso avrà il riconoscimento legittimo da parte della Regione. La creazione della fondazione non elude alcuna norma imperativa e non trattandosi di appalto non riteniamo pertinente il rischio di antitrust”. L'assessore Querzè ha spiegato i principali contenuti dello statuto, cominciando dalle finalità della Fondazione, nata “per volontà del Comune di Modena con lo scopo di gestire, attraverso un modello innovativo, i servizi scolastici ed educativi rivolti alla fascia di età zero – sei anni”. In base allo statuto, la Fondazione “promuove la partecipazione dei lavoratori, riconoscendo la centralità del ruolo degli educatori e degli insegnanti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento