Lottizzazione di via Indipendenza, "Autorizzazione della Soprintendenza nel 2016"

La pronuncia per la tutela paesaggistica riguarda solamente le file di cipressi del viale del Parco Ducale. Lo ha specificato l'assessore Ugo Liberi

“L’intervento edilizio nella zona di via Indipendenza alle spalle dell’ex Goya nasce dall’approvazione del PSC, Piano Strutturale Comunale, nel 2007 ed ha seguito un lungo iter burocratico fatto di pareri ed autorizzazioni, compresa quella della Soprintendenza, tutti regolari”. L’Assessore all’Urbanistica del Comune di Sassuolo Ugo Liberi, con queste parole, riassume il lungo iter che ha portato all’abbattimento dell’ex Goya nel maggio del 2019 ed all’avvio delle opere di urbanizzazione oggetto di critiche da parte di Italia Nostra.

“Nel Psc del 2007 veniva individuata quella porzione di parco come area edificabile – prosegue l’Assessore – da allora è iniziato il lungo iter che ha portato all’ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni tra cui quella del Servizio Sanitario Regionale, Arpae, e Provincia di Modena, che hanno portato all’approvazione del PUA, Piano Urbanistico  Attuativo in Consiglio Comunale in data 18/12/2017. Nel Febbraio 2019 è stato approvato il progetto esecutivo con le opere di urbanizzazione previste nel PUA che prevedevano inizio lottizzazione e sistemazione delle aree, con interventi quali la demolizione dell’ex Goya, che era diventato un vero e proprio monumento al degrado, ma anche l’abbattimento delle piante malate a rischio schianto, che verranno debitamente sostituite".

In merito alle critiche sollevate sia da Italia Nostra che da alcuni gruppi politici, Liberi spiega: "Tra le autorizzazioni previste, naturalmente, c’è anche quella della Soprintendenza che, nel 2016, ha unicamente chiesto la tutela del filare dei pioppi, fatte salve naturalmente le necessarie manutenzioni e sostituzioni, quale cannocchiale prospettico tra Palazzo Ducale e Belvedere. Unica altra indicazione pervenuta dalla Soprintendenza riguarda le caratteristiche delle nuove costruzioni, che dovranno essere tipicamente locali, ma non entra nel merito delle singole unità che per altro devono ancora essere progettate. Tutta questa operazione, aveva come opera preliminare l’abbattimento dell’ex Goya, operazione salutata come conquista del decoro cittadino, abbattimento iniziato nei primi giorni di Maggio 2019".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto l’iter amministrativo – conclude l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Sassuolo Ugo Liberi – è stato svolto correttamente: sono iniziate le opere di manutenzione con abbattimento di quelle piante che un agronomo esperto, esaminandole una ad una, ha certificato tali, piante che verranno a breve ripiantumate: la nostra Amministrazione Comunale non ha alcun titolo per ritirare concessioni legittimamente concesse, ampiamente autorizzate da tutti gli Enti preposti,  e nemmeno ne ha l’intenzione: vigileremo sulla qualità edilizia delle nuove costruzioni, secondo direttive già espresse a suo tempo da parte della Soprintendenza e presenti nei piani, e plaudiamo all’iniziativa di chi, in questo momento particolarmente difficile dal punto di vista economico, intende investire sullo sviluppo della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Detenzione irregolare di armi, denunciati 17 modenesi durante le verifiche della Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento