Decine di bandiere dell'Unione esposte a Palazzo Europa

Centro Ferrari, Fondazione Gorrieri, Sias, Cisl e Confcooperative spiegano il significato dell’iniziativa nelle loro sedi

Sono decine le bandiere dell’Unione europea che da oggi e fino al 26 maggio resteranno esposte alle finestre del Palazzo Europa di Modena, l’edificio che ospita gli uffici di Cisl, Confcooperative, centro culturale F.L. Ferrari, Fondazione Gorrieri e diverse cooperative.  Le organizzazioni di Palazzo Europa hanno, infatti, accolto la proposta di Romano Prodi di esporre le bandiere europee nel giorno in cui la Chiesa celebra S. Benedetto da Norcia, patrono d’Europa. Lo stesso Prodi, tra l’altro, verrà a Modena il prossimo 8 aprile per la "Lettura annuale Ermanno Gorrieri 2019" sul tema “L'Europa al bivio”. 

«Riteniamo che oggi sia più che mai attuale la motivazione di coloro che cinquant’anni fa pensarono di intitolare “Palazzo Europa” questo edificio: essere un segno di rinnovamento e progresso civile della moderna società, considerata in prospettive sovranazionali e di solidarietà con tutti i popoli - affermano Giovanni Manzini (Sias), Paolo Tomassone (centro culturale Ferrari) e Luciano Guerzoni (Fondazione Gorrieri) - Il Palazzo Europa è stato, e rimane ancora, un centro di azione e presenza significativa, un fattore di unità e libertà per tanti giovani che, fedeli ai valori e principi del cattolicesimo democratico, si sono impegnati con spirito di dedizione e generosità nella vita culturale, sociale, sindacale, economica e politica modenese, italiana ed europea». 

«Da alcune settimane la Fnp, il nostro sindacato dei pensionati, regala una bandiera dell’Unione europea agli iscritti che ne fanno richiesta – aggiunge il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta – Regalare o appendere alle finestre il vessillo stellato è un gesto simbolico che rafforza il processo d’integrazione europea, oggi in difficoltà a causa di divisioni interne. Siamo convinti, invece, che solo restando uniti possiamo rendere il mondo più solidale e mantenere la pace». 

«La cooperazione è nata in Europa, quindi l’Europa è la casa dei cooperatori – conclude il presidente di Confcooperative Modena Carlo Piccinini – Esporre le bandiere Ue alle nostre finestre significa chiedere un’Europa dei popoli, non solo della moneta unica, un’Europa capace di coniugare accoglienza e crescita, rigore e sviluppo sostenibile, inclusione e pluralismo imprenditoriale».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Cena aziendale degenera, minaccia il collega armato di coltello e forchettone

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Truffa del CD-rom, incastrato un 45enne dopo sette colpi in città

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Si affrontano in strada per una donna "contesa", feriti e denunciati

Torna su
ModenaToday è in caricamento