Commercio. 12 milioni l'anno in crediti di imposta alle imprese montane, Aula unanime

Nuovi bandi regionali a settembre, contributi massimi di 5 mila euro, per favorire il commercio in Emilia-Romagna. L'Aula da l'ok all'unanimità

Dodici milioni di euro all'anno per supportare le attività imprenditoriali e gli esercizi commerciali in montagna, con agevolazioni economiche sotto forma di credito di imposta. Via libera in Aula, con voto unanime, al progetto di legge per sostenere economicamente le imprese che lavorano nelle aree montane. Il bando sarà pubblicato a settembre e prevede un totale di 36 milioni di euro sul triennio 2019-2021. L'agevolazione economica per imprese e lavoratori autonomi sarà calcolata in base all'Irap versata (si fa riferimento all'annualità 2018 per l’anno d’imposta 2017) per un contributo massimo di 5 mila euro.

"Si tratta di una misura di sostegno a quelle imprese che risiedono in territori difficili, penalizzati in modo ancora più impattante dalla crisi economica" ha spiegato Alessandro Cardinali (Pd), relatore di maggioranza, che ha illustrato anche alcuni emendamenti tecnici, presentati da svariati gruppi, di cui ha chiesto l'approvazione. Il relatore di minoranza, Gabriele Delmonte (Ln) ha dichiarato che si tratta: "Di un provvedimento che intende lanciare un segnale di attenzione ai territori montani, ricordando che sarà effettuato un monitoraggio sulle domande ricevute, sulle richieste accettate e sul numero di imprese che hanno partecipato, in modo da avere contezza dei benefici concreti di questa legge".

Per Fabio Callori (Fdi) l'abbattimento dell'Irap per le imprese montane è senza dubbio importante, ma la Regione deve promuovere misure anche per riattrarre imprese nelle zone di montagna, specie attraverso il potenziamento della rete dei servizi e delle infrastrutture. Andrea Galli (Fi), nell'annunciare il proprio voto favorevole, ha lamentato l'esiguità delle risorse stanziate, richiamando la Regione a una maggiore attenzione complessiva alla montagna. Giancarlo Tagliaferri (Fdi) ha sottolineato come la fiscalità di vantaggio sia una misura di rilevante importanza per le imprese che operano in montagna e per le comunità locali. Per Igor Taruffi (Si) le risorse finanziarie stanziate sono un segnale dell'attenzione che la maggioranza ha sempre dimostrato per il territorio montano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Caduta sulla rotonda di Vaciglio, grave un cicloamatore

  • Truffa del CD-rom, incastrato un 45enne dopo sette colpi in città

  • Sale su un traliccio alla stazione e minaccia di gettarsi, salvata dai Carabinieri

Torna su
ModenaToday è in caricamento