Aviazione turca bombarda il campo profughi di Makhmura sostenuto da Cgil Modena

E' stato bombardato venerdì a mezzanotte il campo profughi di Makhmura che viene finanziato e sostenuto da Cgil Modena

L'Associazione di cooperazione internazionale-Onlus "Verso il Kurdistan" sostenuta anche dalla Cgil di Modena, ha "adottato" quel villaggio profughi di Makhmura, sostenendo e finanziando progetti concreti di aiuto e sostegno in merito alle loro più gravi emergenze. In particolare, cerchiamo di garantire un minimo di assistenza sanitaria e la potabilità dell'acqua, almeno nelle loro scuole e nell'ambulatorio.

Tuttavia, quasi alla mezzanotte di venerdi scorso aerei da guerra turchi hanno bombardato ancora il Campo dei profughi kurdi di Makhmura, nella regione del nord Irak con capitale Erbil. Attacchi ed azioni di guerra palesi, che lo stato turco ha incredibilmente intensificato negli ultimi mesi, colpendo tanti insediamenti civili sparsi in quella regione irakena ai confini con Siria e Turchia. Attacchi criminali ai danni di villaggi e campi profughi, situati in un territorio regionale con popolazione a larga maggioranza kurda, provocando tante innocenti vittime civili, feriti e gravi distruzioni.

Il Campo di Makhmura, che raccoglie profughi kurdi scacciati o sfuggiti dalle loro case in Turchia, vittime delle persecuzioni del governo turco di Erdogan, è stato ripetutamente attaccato dal cielo in questi mesi. Anche con l'ultima visita della nostra delegazione italiana nell'aprile scorso, abbiamo personalmente visto le distruzioni delle bombe turche, lanciate la settimana precedente (vedi foto allegate). Quel Campo di profughi, riconosciuto e sotto la teorica protezione dell'ONU-UNHCR, raccoglie ed ospita circa 14.000 persone, di cui circa quattromila sono bambini, in un territorio isolato e distante una cinquantina di km. da Erbil.

Spiegano da Cgil: "Con l'ultima missione di aprile, nonostante il gravissino sequestro/furto da parte dei militari irakeni del nostro carico di medicinali offerti dal volontariato modenese, abbiamo installato un prezioso (costo 18 mila dollari) generatore elettrico all'interno del loro ambulatorio, al fine di garantire l'energia alla struttura sanitaria h/24, in un villaggio profughi ove, mediamente, la luce c'è per 6-7 ore al giorno! A fine agosto / prossimo settembre, invece, prevediamo - bombardieri turchi permettendo - di ritornare a Makhmura per portare una piccola ambulanza e garantire così un minimo di copertura assistenziale per chi vive nelle baracche di quella comunità."

Per poi concludere: "Ci aspettiamo sinceramente che nostri parlamentari europei presentino proposte di efficace opposizione agli atti di guerra turchi e per garantire tutele agli interventi delle ONG che operano in tanti di quei campi profughi.
Anche il Governo italiano dovrebbe essere sollecitato in Parlamento, per concrete ed urgenti azioni di sostegno e sicurezza per le attività di cooperazione e solidarietà svolte in quei territori, ma il Ministero degli Esteri, pure da noi direttamente sollecitato, non ha ancora mosso un dito per sbloccare il sequestro dei nostri medicinali destinati proprio al campo profughi di Makhmura."

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento