La "Casa" dei Musei del Duomo si amplia e passa dal Ministero al Comune

Il sindaco Muzzarelli e il direttore degli Archivi Notarili Romano hanno firmato un protocollo per la gestione dell’edificio. Ampliamento e valorizzazione dell’Istituto

Un protocollo tra Comune di Modena e Archivi Notarili presso il ministero della Giustizia crea le condizioni per un ampliamento e una qualificazione della superficie espositiva dei Musei del Duomo curati dalla Basilica Metropolitana. Ciò avverrà con il passaggio al Comune della gestione dell'edificio di via Lanfranco, proprio sotto la Ghirlandina, con l'accesso recentemente ridisegnato in chiave di un più efficace servizio ai visitatori e ai turisti. Acquisendo la gestione dell'edificio, anche delle aree attualmente non occupate dai Musei, il Comune si impegna a garantire agli Archivi Notarili spazi in città per il deposito di documentazione, per un equivalente di circa 1.800 metri lineari di scaffalature.

IL PROGETTO. L'accordo apre la strada a una prossima convenzione che, nella prospettiva di promuovere l'istituto culturale nell'ambito del sito Unesco patrimonio dell'umanità, definirà le modalità di investimento della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e di altri soggetti per la realizzazione di un progetto integrato di qualità espositiva, attrattività e accoglienza turistica. Si tratta di un ulteriore elemento strutturale nel percorso di valorizzazione del complesso costituito da Duomo, Piazza Grande e torre Ghirlandina dopo gli esiti positivi della nascita del biglietto unico del sito Unesco.

IL PROTOCOLLO. Il protocollo è stato firmato a Palazzo Comunale questa mattina, martedì 6 giugno, dal sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e da Renato Romano, direttore generale dell’Ufficio centrale degli Archivi Notarili presso il Ministero di Giustizia, giunto a Modena con una delegazione che si è poi recata in visita ai Musei del Duomo. Presenti alla firma anche il senatore Stefano Vaccari, che ha sostenuto a Roma il progetto modenese, Gianpietro Cavazza, vicesindaco e assessore alla Cultura e Scuola, monsignor Giuliano Gazzetti, Vicario generale, in rappresentanza della Diocesi e della Basilica Metropolitana Francesca Piccinini, coordinatrice del comitato di Pilotaggio del Sito Unesco con sede presso i Musei civici di Modena.

LE VISITE NEGLI ULTIMI ANNI. Negli ultimi anni la crescita di visitatori dei Musei del Duomo è costante e progressiva. Nel 2013 gli ingressi totali erano stati poco più di 5.100, nel 2014, anno in cui sono anche iniziati i laboratori per le scuole sono stati 7.684, nel 2015 sono aumentati a 8.547, nel 2016 con il biglietto unico si è arrivati a quota 11.424 e al 31 maggio 2017 i visitatori di quest’anno sono già 7.894.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Droga letale, un altro ragazzo muore per overdose in zona Sacca

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Un giro di spaccio dietro la "copertura" di un autolavaggio. Sequestrato anche un mitra da guerra

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento