Cécile Kyenge entra in Parlamento e i leghisti reagiscono con le offese

Sui social network va in onda la rabbia dei militanti leghisti per l'elezione dell'ex consigliere provinciale: "Dovremmo fare i kamikaze giapponesi: prima del gesto estremo, ucciderne minimo 20 di loro!"

Cécile Kyenge Kashetuoculista di origini congolesi in Italia dal 1983 residente a Gaggio in Piano (Castelfranco Emilia), è stata eletta in Parlamento tra le file dei democratici modenesi. La scorsa settimana, infatti, assieme a Davide Baruffi, ha comunicato ufficialmente le dimissioni dal Consiglio Provinciale per concentrarsi solamente sugli incarichi romani che a breve le si profileranno. La notizia della sua elezione, però, non è andata giù a tutti. Infatti, come documentato dal blogger dell'Espresso Daniele Sensi, su Facebook alcuni militanti hanno avuto modo di esprimere forte contrarietà con parole di fuoco: "Dovremmo fare i kamikaze giapponesi: prima del gesto estremo, ucciderne minimo 20 di loro!"; ha scritto su Facebook Francesco Bellentani, segretario Lega Nord di Nonantola commentando la notizia dell'ingresso in Parlamento dell'ex consigliere provinciale e di Khalid Chaouki, giornalista e responsabile Nuovi Italiani del Pd. "Basta far fuori loro perché poi ammazzarsi non vale la pena", ha poi rilanciato un altro militante replicando all'invettiva di Bellentani. Ora come ora, non è dato sapere se a queste parole seguiranno denunce da parte dei diretti interessati.

“Un atto gravissimo, se confermato” hanno commentato, indignati, i neo-eletti senatori e deputati del Pd modenese. Davide Baruffi, Carlo Galli, Manuela Ghizzoni, Maria Cecilia Guerra, Edo Patriarca, Giuditta Pini, Matteo Richetti e Stefano Vaccari hanno sottolineato con amarezza come le idee di democrazia e rispetto dell’altro, in questo Paese, non siano ancora un patrimonio di tutti. “Il Pd è orgoglioso – hanno scrittoi neo-eletti Pd – di avere tra i propri rappresentanti persone che con competenza e convinzione sapranno difendere e promuovere i diritti dei tanti nuovi cittadini. Condanniamo con forza ogni forma di violenza, anche se solo verbale. Esprimiamo piena vicinanza personale e politica a Cécile e Khalid, riconfermando il nostro impegno assoluto a promuovere assieme a loro, anche dalle aule del Parlamento, una politica di segno opposto a quella fino ad ora espressa dalla destra: accoglienza, solidarietà, integrazione saranno le nostre direttrici portanti per mettere il Paese al riparo dal fallimento culturale e politico che ci ha lasciato in eredità la destra. Il nostro primo impegno – hanno concluso i parlamentari Pd –  sarà appunto per una riforma radicale del diritto di cittadinanza: chi nasce in Italia è cittadino italiano senza se e senza ma".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Trova online la sua bici subata e dà appuntamento al ricettatore in piazza, insieme ai Carabinieri

  • Investito da un'auto a San Damaso, gravissimo un adolescente

Torna su
ModenaToday è in caricamento