San Cesario, esposto al Ministro dei Trasporti contro il progetto della Circonvallazione

Un esposto è stato inviato al Ministro dei Trasporti affinché blocchi il progetto della circonvallazione da parte della Lista Civica Nuovo San Cesario: "Il tracciato è troppo pericoloso perché manca il collegamento con la circonvallazione di Castelfranco. L’opera non risolve il problema delle code verso Modena"

Un esposto è stata inviato dalla Lista Civica Nuova San Cesario al Ministro dei Trasporti, Toninelli, per richiamare l’attenzione "sull’estrema pericolosità del tracciato della circonvallazione di San Cesario", sulle conseguenze che potrebbero derivare, in termini di sicurezza, dalla mancanza di un collegamento con la circonvallazione di Castelfranco Emilia. Il tracciato ad oggi previsto si innesta, a nord dell’abitato di San Cesario, sulla Via Loda, all’altezza di alcuni edifici industriali. 

Spiegano dalla Lista Civica: "La via Loda è una strada fra le più trafficate della Provincia, stretta, con evidenti cedimenti e senza banchine. E’ un grave errore non prevedere un collegamento diretto fra la circonvallazione di San Cesario e quella di Castelfranco, visto che sono distanti fra loro poco più di 2 chilometri. Meglio sarebbe togliere i mezzi pesanti dalla via Loda, piuttosto che continuare a sovraccaricare una strada già molto pericolosa. Queste osservazioni sono state presentate più volte in Consiglio Comunale, anche in sede di approvazione del tracciato previsto, ma sono rimaste del tutto inascoltate. Per questo la sottoscritta ha deciso di rivolgersi al Ministro dei Trasporti. Secondo quanto riferito in Consiglio Comunale dall’Assessore all’Urbanistica, il progetto esecutivo della circonvallazione, dovrebbe infatti arrivare a breve sul tavolo del Ministero delle Infrastrutture, il quale ha poi 60 giorni di tempo per approvare o respingere il progetto." 

"In base agli accordi stipulati da Provincia e Comune, la circonvallazione di San Cesario verrà finanziata interamente da Autostrade per l’Italia in quanto opera compensativa dell’ormai realizzata quarta corsia autostradale. Una scelta assai poco lungimirante, avvenuta a discapito di un’altra infrastruttura che nel 1999 era l’opera compensativa della quarta corsia autostradale: la strada di collegamento fra la via Emilia e la via Vignolese con realizzazione di un nuovo ponte sul Panaro."

"Nell’esposto inviato al Ministro dei Trasporti, la sottoscritta ha ribadito la maggiore importanza strategica di quest’opera, che, al pari della circonvallazione, sarebbe in grado di liberare il centro abitato di San Cesario dal traffico pesante, favorendo però anche i collegamenti con Modena. Verrebbe così alleggerito il carico di veicoli sulla via Emilia, strada ormai al collasso. Per liberare il centro abitato dal traffico pesante e risolvere il problema delle code verso Modena occorre un nuovo collegamento fra la via Emilia e la via Vignolese, non la circonvallazione di San Cesario. La parola passa ora al Ministro."

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni 2019 in diretta, si vota fino alle 23. Amministrative in 34 comuni

  • Cronaca

    Fanno saltare il bancomat, colpo alla Bper di Campogalliano

  • Cronaca

    Nasconde in casa tre etti di droga, arrestato a Nonantola

  • Attualità

    Ictus ischemico, "medaglia d'oro" per la Stroke Unit di Baggiovara

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A1, individuata l'auto pirata. Autopsia per le due vittime

  • Dà fuoco alla sede della Municipale a Mirandola e causa due morti e diversi feriti. Arrestato

  • Morto Vittorio Zucconi, giornalista modenese firma storica di Repubblica

  • Un ferito in un tamponamento, chiuso un tratto della Modena-Sassuolo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Concorrenza sleale a Esselunga: Coop condannata, ma niente risarcimento

Torna su
ModenaToday è in caricamento