Coldiretti sul sisma: "Vicini al traguardo, ma necessario accelerare la burocrazia"

Tra il ricordo, la conclusione dei lavori ma anche la voglia di accelerare la burocrazia. E' così che Coldiretti Modena commenta il quinto anno da quel tragico evento che trasformò in maniera determinante la bassa modenese

A cinque anni dalla prima scossa di terremoto si fa sentire Coldiretti Modena tramite il suo Presidente Francesco Vincenzi: "Si incomincia a vedere la fine del tunnel, tuttavia rimane ancora qualcosa da fare, ovvero è necessario accelerare i tempi della burocrazia e fare in modo che i fondi arrivino nelle tasche degli agricoltori che in questi anni troppo spesso hanno dovuto anticipare spese di ricostruzione a proprio carico. Inoltre ad oggi ci sono ancora edifici danneggiati perché troppi vincoli impediscono  di dar il via ai lavori di ripristino.”

E' con queste parole che il Presidente di Coldiretti ricorda un momento difficile e buio per la bassa modenese, che portò morte e distruzione in uno dei territori più produttiviti dell'agricoltura emiliano romagnola, ma anche d'Italia. "Il sisma  - ricorda Vincenzi - ha causato danni per mille milioni di euro, colpendo abitazioni, stalle, magazzini, attrezzature di circa 6.000 aziende con circa 550 milioni di euro di danni provocati alle strutture agricole (fienili, stalle, magazzini) e il Parmigiano Reggiano in testa alla triste classifica del prodotto più danneggiato con 200 milioni di euro, e l’aceto balsamico che ha subito perdite per 15 milioni di euro."

Da eventi straordinari come questo – conclude il Direttore di Coldiretti Modena, Giovanni Duò – è necessario anche saper trarre anche degli insegnamenti: il patrimonio positivo di esperienze accumulato in questi anni dalla Regione Emilia Romagna, dalle Istituzioni e dai privati sul piano normativo e tecnico deve essere utilizzato per la creazione di un protocollo utile alla gestione di eventuali altre emergenze che si dovessero verificare sul territorio nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Si cappotta con l'auto lungo la Circondariale, muore un giovane a Fiorano

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento