Dirigente senza laurea. Corte dei Conti chiede alla Regione di restituire gli stipendi

Nell'occhio del ciclone la nomina di Alberto Allegretti, che l'ex presidente dell'Assemblea emiliana Matteo Richetti chiamò come capo di Gabinetto. Per i Pm non vi su neppure la dovuta selezione pubblica per l'incarico

È arrivata alla Corte costituzionale la battaglia tra la Regione Emilia-Romagna e i pm della sezione regionale della Corte dei conti su un presunto danno erariale da 454.205,60 euro. A tanto ammontano, infatti, gli stipendi erogati - anche se la cifra netta è di 'soli' 244.840 euro - durante lo scorso mandato, e fino al 27 gennaio 2015, ad Alberto Allegretti, ex dirigente della Cisl di Modena nominato Capo di gabinetto dell'allora presidente dell'Assemblea legislativa Matteo Richetti, incarico conservato anche dopo l'avvicendamento tra Richetti e Palma Costi. 

Il problema, secondo i pm contabili, il cui capo Carlo Alberto Manfredi Selvaggi ha svelato la vicenda (senza fare nomi) nella sua relazione in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario, è che Allegretti non poteva ricoprire quell'incarico - a cui si erano poi aggiunti quello di direttore del Servizio informazione e quello di dirigente tecnico di garanzia in materia di partecipazione - in quanto privo di laurea

Con il conferimento ad Allegretti dell'incarico, secondo i pm della Corte dei conti è stato anche violato l'obbligo di affidare incarichi dirigenziali "previa selezione pubblica". Da qui la decisione dei pm di chiedere la restituzione degli stipendi erogati ad Allegretti, che costituirebbero "un danno ingiusto alla Regione". 

Ma da viale Aldo Moro non si è fatta attendere la replica all'atto di citazione depositato a dicembre dalla Procura. Infatti, fa sapere ai cronisti a margine della cerimonia Manfredi Selvaggi, la Regione "ha sollevato, qualche giorno fa, un conflitto di attribuzione davanti alla Corte costituzionale, che probabilmente si pronuncerà entro la fine dell'anno". In sostanza, la Regione sostiene che la Corte dei conti non puo' sindacare su un provvedimento come la nomina di un dirigente, perchè così facendo andrebbe a ledere l'autonomia della Regione stessa.

(DIRE)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Linee ferroviarie Fer e Tper, pendolari a piedi per oltre 1.300 volte lo scorso anno

  • Cronaca

    Si ubriacano e vandalizzano le auto, due 19enni modenesi denunciati in Riviera

  • Politica

    Manifestazioni parallele, due cortei anarchico-antagonisti per il 25 Aprile

  • Economia

    Vendite delle MPMI modenesi, il 2018 non lascia troppo spazio ai sorrisi

I più letti della settimana

  • Va a prendere il figlio fermato per guida in stato di ebbrezza, ma viene multata per mancata revisione

  • Gli eventi da non perdere a Pasqua e Pasquetta a Modena e provincia

  • "Mangiatoia finita", Salvini commenta il fallimento del bando per i richiedenti asilo

  • Carpi. Pedone travolto e ucciso da un furgone in via Marx

  • Giovane accoltellato alla fermata dell'autobus, aggressore inseguito e arrestato dalla Polizia

  • Sparano ad un pedone con una fiocina, arrestati due evasi

Torna su
ModenaToday è in caricamento