Nelle Cra di Modena 34 anziani deceduti per covid, Muzzarelli: "Ora via a nuovi inserimenti"

I focolai nelle residenze sono sotto controllo e si riapre gradualmente alla possibilità di inserire nuovi ospiti nelle strutture. I decessi di inizio 2020 sono in linea con quelli dello scorso anno

Dopo la fase dell’emergenza che ha rivoluzionato l’intera organizzazione sanitaria e della rete ospedaliera per far fronte al Coronavirus, l’ingresso nella Fase 2 segna uno step diverso anche per l’attività assistenziale e sanitaria. Tutto il Piano di Azione per l’emergenza Covid è stato illustrato e discusso in sede di Conferenza territoriale socio sanitaria, come ha spiegato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli mercoledì 13 maggio durante l’informazione al Consiglio comunale.

Con la riduzione dei contagi ci sia avvia con cautela anche a rivedere le procedure per l'accesso ai posti residenziali per la non autosufficienza sospesi durante la prima fase e gli inserimenti dal domicilio. Ora l’esigenza di procedere a nuovi inserimenti deve coniugare la maggior garanzia possibile che avvengano nel rispetto delle strategie di contenimento e gestione della pandemia, la capacità di dare risposta ai bisogni socio-assistenziali e sanitari degli ospiti e la capacità di tenuta della rete famigliare che in questi mesi ha dovuto assumersi compiti di cura molto gravosi. In sede di Comitato di Distretto, che vede riuniti Ausl, Comune e Quartieri, è stato quindi approvato un documento che disciplina l’accesso delle persone non autosufficienti nelle case residenze per anziani e nei centri socio-riabilitativi residenziali per disabili.

Sul fronte dell’assistenza, continua ad essere massima l’attenzione sulle Cra colpite dal virus, dove si sono però anche registrate le prime guarigioni. Nelle 52 strutture accreditate sul territorio provinciale, sono 14 le Cra dove si è verificata la presenza del virus, a cui se ne aggiunge una non accreditata. Invece, delle 16 strutture presenti sul territorio comunale, tre sono quelle interessate dal contagio; attualmente ci sono in tutto 25 ospiti positivi al virus isolati in struttura, mentre sono complessivamente 34 i decessi e d’altra parte si registra anche un segnale positivo: sono 41 gli ospiti guariti dal virus.

Nel suo intervento in Consiglio Comunale Muzzarelli ha evidenziato anche un dato già emerso nei giorni scorsi: nonostante l'epidemia il numero degli anziani deceduti nelle Cra in questo inizio 2020 è invariato rispetto al 2019, 168 decessi contro i 169 dello scorso anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tutte le Cra della provincia, come nelle strutture per disabili, si stanno svolgendo in maniera massiccia i test sierologici agli operatori e il sostegno alle Cra è continuato sul fronte del personale, della telemedicina e della fornitura di dispositivi di protezione personale (oltre 83mila le mascherine fornite).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento