Muzzarelli lancia il programma del centrosinistra in quattro punti: "Riaccendiamo la speranza"

Per Muzzarelli l’esperienza del centrosinistra unito a Modena ha valore nazionale: “Ritornare nelle periferie sociali con parole serie e responsabili”. Nel programma attenzione al lavoro e allo sviluppo economico, a legalità e sicurezze, alla Città amica, a welfare e scuola, a cultura e partecipazione

“Vincere le paure e riaccendere la speranza”. È il messaggio con il quale il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, nel corso della seduta di insediamento del Consiglio comunale, ha concluso la presentazione del documento di Indirizzi generali di governo della città, che sarà discusso e votato nel corso della prossima seduta da convocare entro 15 giorni.

Muzzarelli si è soffermato sull’analisi del voto del 26 maggio e sul risultato ottenuto in città (“una vittoria netta al primo turno che non è solo un chiaro riconoscimento del lavoro fatto in questi anni, ma anche la prova plastica che il centrosinistra unito vince”) per arrivare a concludere, dopo un’analisi delle difficoltà del Governo Lega-5Stelle e dei rischi che corre il Paese, che “l’esperienza del centrosinistra di Modena è un messaggio di valore nazionale: l’Italia ha bisogno di veder nascere in tempi brevi un’alternativa di governo credibile all’attuale maggioranza, divisa su tutto e unita soltanto dall’occupazione del potere. Ha bisogno di un centrosinistra rinnovato, unito e plurale, capace di ritornare nelle periferie sociali con parole serie e responsabili, ma chiare e forti, per vincere le paure e riaccendere la speranza”.

Dopo aver ribadito che sarà un’estate di lavoro, Muzzarelli ha affermato: “La città che vogliamo è concreta per creare lavoro, unita contro le paure e le insicurezze, giusta per aiutare chi è in difficoltà. La Modena dei prossimi anni deve essere piena di opportunità, verde, compatta, rigenerata, con una mobilità più efficiente e con i valori di equità e solidarietà sempre al centro dell’azione amministrativa”. E al Governo nazionale che si appresta a una manovra d’autunno che rischia di essere drammatica per gli italiani, il sindaco manda un messaggio: “I modenesi hanno già dato! Giù le mani dagli enti locali, dalla sanità e dalla scuola pubblica e dai servizi della pubblica amministrazione che i nostri cittadini hanno conquistato nel corso degli anni”. Saremo “in prima linea a difendere Modena e la qualità di vita della nostra città – ha spiegato Muzzarelli - saremo in campo per Modena e per l’Italia, perché è il futuro del Paese che è in discussione, è il futuro delle nuove generazioni, sulle cui spalle non possiamo scaricare altri debiti e alle quali non possiamo lasciare in eredità un territorio fragile, città in declino, un ambiente sfibrato e una società ancora più disuguale e ingiusta”.

Sono quattro i punti sui quali è articolato il programma di centrosinistra per Modena: Identità e prospettive; Sviluppo intelligente e sostenibile; Sapere, includere, creare; Autonomia e democrazia. Nel suo intervento il sindaco ha fatto alcune sottolineature partendo da una considerazione sul fatto che Modena, città d’Europa, per merito innanzitutto dei modenesi, è una città in cammino: “Il nostro compito è accompagnare e guidare la città che vuole crescere e migliorare, orgogliosa della propria storia costellata di conquiste sociali e civili, fiera della propria tradizione di buongoverno. La nostra amata Modena non può rimanere prigioniera della conservazione e della paura. I valori che ispirano l’azione politica sono quelli di libertà, uguaglianza e solidarietà, c’è l’onda lunga dell’antifascismo e della Resistenza. Solo su questi principi - è possibile fondare un futuro di sviluppo sostenibile, di coesione e giustizia sociale, di tutela e promozione della dignità delle persone e di riconoscimento e valorizzazione dei saperi e dei meriti”.

Il primo dei punti affrontati è stato quello della legalità e delle sicurezze, sempre declinate al plurale (dalla criminalità alla tutela del territorio, fino alle ludopatie e all’accoglienza con diritti e doveri per i migranti e un vero e proprio “patto di accoglienza e lavoro”), ribadendo l’impegno del Comune su cittadella della giustizia, organici della Polizia municipale, videosorveglianza, controllo di vicinato (“non ci si difende da soli”), ma anche la richiesta al Governo di coprire le carenze di organico delle forze dell’ordine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento