Proposta di legge sul reato di disturbo venatorio, Forza Italia: "Fermare gli atti vandalici"

"Stop a vandalismi e aggressioni da parte di rappresentanti di sedicenti associazioni ambientaliste contro i cacciatori". A intervenire in questo senso con una interrogazione ad hoc è il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli.  "Ogni anno le associazioni ambientaliste e non solo si scagliano con metodi più o meno civili, contro i cacciatori e contro tutto quello che riguarda il mondo venatorio - afferma Andrea Galli -. Ricordo che la caccia è regolamentata da un calendario e modalità bene definite e infatti questi atti vandalici sono spesso messi in campo da associazioni che hanno sempre più assunto la connotazione di ecoterroristi come ad esempio l'Animal Liberation Front". 

"Non solo: nelle precedenti stagioni venatorie si sono verificate anche decine di aggressioni fisiche ai danni dei cacciatori ad opera di gruppi organizzati composti da 5-10 individui spesso a volto coperto, azioni alle quali si aggiungono atti intimidatori con bombolette spray e contro le auto dei cacciatori stessi. Federcaccia e Enalcaccia hanno denunciato incisioni alle portiere, tagli alle gomme e specchietti rotti - chiude Andrea Galli. "Chiediamo quindi alla Regione quali iniziative intende mettere in campo per tutelare una attività da essa stessa regolamentata e se intende sollecitare la ripresa della discussione in Parlamento della proposta di legge che prevede l'introduzione del reato di disturbo venatorio".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Stasera su Italia1 anche Modena protagonista della puntata de "Le Iene Show"

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

  • Scoperto a Modena un deposito di bici rubate, si cercano i proprietari

  • Scontro sulla Nazionale per Carpi, morto un automobilista

Torna su
ModenaToday è in caricamento