Chiude il Conad di Cognento: "Non più economicamente sotenibile"

Il consigliere comunale Pd Stefano Manicardi ha presentato una interrogazione sul tema chiedendo di mantenere un punto vendita nella frazione

Mercoledì 31 luglio chiude il supermercato Conad di Cognento. Secondo i gestori, infatti, il supermercato non è più economicamente conveniente. Il consigliere comunale Pd Stefano Manicardi si è fatto interprete delle preoccupazioni espresse dai residenti, soprattutto i più anziani, e ha presentato una interrogazione sul tema: "Chiude un punto di riferimento per i residenti della frazione, soprattutto i più anziani che, in queste settimane, stanno esprimendo preoccupazione visto che viene a mancare un luogo per gli acquisti quotidiani".

"Il tema è da mesi all’attenzione dell’Amministrazione comunale e il primo cittadino, sappiamo, ha promosso numerosi incontri. La proprietà dell’edificio, Nordiconad, si è detta disponibile a trovare soluzioni, che non siano però la gestione diretta, in modo che rimanga un punto vendita attivo al servizio della frazione - spiega Manicardi - Di tutto questo parlo nella interrogazione che presenterò in Consiglio comunale. I centri di vicinato rappresentano un presidio per i territori, soprattutto quelli più periferici: è per questo che una chiusura diventa, comunque, un elemento di preoccupazione. Al sindaco e alla Giunta, quindi, chiedo cosa intendano fare in futuro per favorire una soluzione della vicenda che consenta di mantenere un punto vendita attivo a Cognento”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

Torna su
ModenaToday è in caricamento