Istituto Corni di Modena: decine di docenti in "difesa della Storia"

Sono numerosi i docenti dell’istituto Corni che hanno firmato un Appello volto a sostenere le ore di lezione di Storia sempre più ridotte dalle riforme scolastiche

Decine di docenti dell'Ipsia Corni di Modena hanno sottoscritto un documento di adesione all'appello "La storia è un bene comune" promosso dallo storico Andrea Giardina, dalla senatrice a vita Liliana Segre e dallo scrittore Andrea Camilleri, in difesa di una disciplina che ha subito nell'ultimo anno un significativo ridimensionamento: la Storia.

Questo ridimensionamento è grave -affermano i docenti- perché avrà come effetto inevitabile un impoverimento culturale e di conoscenza della realtà storica negli studenti di oggi e cittadini di domani, a fronte invece della necessità di incentivare e approfondire lo studio degli eventi storici.

I docenti firmatari chiedono quindi al Miur di ripristinare l’orario minimo settimanale di insegnamento della storia nei professionali in 2 ore. Contestualmente, molti docenti hanno sottoscritto un documento sul riordino degli Istituti professionali, esprimendo il loro profondo disagio nei confronti dell'ennesima cosiddetta "riforma" precipitata sugli Istituti professionali imponendo aspetti per cui sarebbe stato invece necessario attendere la pubblicazione di linee guida che, ad oggi, con colpevole ritardo del MIUR, non sono state pubblicate.

Riteniamo -si legge in un estratto dell'Appello- che il punto dell'appello "le ore dedicate alla disciplina nelle scuole vengano incrementate e non ulteriormente ridotte" sia particolarmente importante per la realtà degli Istituti professionali come il "Corni" [....] Chiediamo pertanto al MIUR di agire sui quadri orari riportando l'orario settimanale del biennio a 33 ore. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Trova online la sua bici subata e dà appuntamento al ricettatore in piazza, insieme ai Carabinieri

  • Investito da un'auto a San Damaso, gravissimo un adolescente

Torna su
ModenaToday è in caricamento