homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Istituzioni, Lega Nord: "Creiamo la macroprovincia estense"

La proposta del segretario cittadino del Carroccio Stefano Bellei: "Poche ma chiare competenze per un soggetto che potrebbe unire Ferrara, Modena e Reggio Emilia"

Spesso per risolvere i problemi del presente e del futuro sarebbe necessario rivolgere lo sguardo al passato, al suo patrimonio di esperienze e di conoscenze. È quello che non fanno PD e PdL, vuoi per insipienza vuoi per un anacronistico arroccamento ideologico.

Il progetto di soppressioni e accorpamenti delle Province offre questa possibilità. Mentre la maggior parte degli esponenti del mondo della politica è impegnata esclusivamente a pensare a come salvare poltrone, posticini e clientele varie, nessuno mette adeguatamente in risalto come questa riforma offre l’opportunità di sanare uno dei tanti errori commessi dall’Italia postunitaria, ovvero l’aver cancellato quel patrimonio storico e culturale che poteva e doveva essere accolto come preziosa eredità dall’epoca precedente.

Per quanto riguarda la nostra provincia, la Lega Nord propone una fusione atta a ricreare una regione storica dalla grande capacità evocativa e dal rilevante potenziale socio economico. Modena, Reggio Emilia e Ferrara dovrebbero confluire in un’unica macroprovincia, o miniregione Estense, con competenze legate alla promozione turistica e allo sviluppo di sinergie tra economia e cultura, che sono sempre state carenti nel nostro territorio.

Il passato comune di queste città, importante e glorioso, può diventare un raffinato biglietto da visita da giocare a livello internazionale. Gli uffici di questa macroprovincia, che non devono essere numerosi, che devono occupare poco personale e che devono costare poco alla collettività, dovrebbero essere spalmati sulle tre città, in modo di non creare tra loro un rapporto gerarchico.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Tragedia condivisa, la Bassa modenese si stringe ai terremotati del reatino

    • Cronaca

      Finisce con il trattore nel canale di scolo, grave un 40enne

    • Politica

      Ordinanza anti-alcol, il Comune "allenta la stretta" sugli orari

    • Cronaca

      Carpi, omicidio della disperazione. L'assassino pentito resta in carcere

    I più letti della settimana

    • Tragedia condivisa, la Bassa modenese si stringe ai terremotati del reatino

    • Ponte Alto, si apre la Festa Pd nel segno dell'"unità" e degli anniversari

    • Ordinanza anti-alcol, il Comune "allenta la stretta" sugli orari

    • Festa di Ponte Alto, tutti gli ospiti deglli appuntamenti politici Pd

    • Festa Ponte Alto, un ciclo di incontri sulla riforma costituzionale

    • Il Prefetto saluta Modena, la lettera di commiato di Michele Di Bari

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento