Manovra: 38 Sindaci hanno partecipato allo sciopero simbolico

Erano presenti quasi tutti i rappresentati dei 47 Comuni della Provincia di Modena. Tra gli assenti 7 Sindaci 'della montagna', San Felice e Sassuolo. Pighi: "Dobbiamo stare vicini ai nostri cittadini"

Il raduno dei Sindaci in piazza Mazzini

Si sono raggruppati in piazza Mazzini questa mattina alle 11.30 i Sindaci e gli Assessori delegati di 38 Comuni della Provincia di Modena per partire poi in corteo verso la Prefettura seguiti dai rispettivi gonfaloni. Assenti i Comuni di Sassuolo, San Felice, Fanano, Sestola, Pievepelago, Montefiorino, Polinago, Fiumalbo e Montecreto. Lo sciopero simbolico al quale hanno aderito la maggior parte dei primi cittadini della Provincia, guidati dal sindaco di Modena, Giorgio Pighi, in accordo con l'Associazione nazionale Comuni italiani, è stato indetto dal Comitato direttivo dell'Anci in segno di protesta contro il provvedimento economico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Sindaci si sono quindi recato presso il Prefetto per rilasciare un documento di cui tutti i presenti erano firmatari, in cui si chiede una netta, profonda revisione della manovra economica approvata da Camera e Senato con voto di fiducia. "I Sindaci devono stare al fianco dei propri cittadini - ha detto Giorgio Pighi - e informarli di quello che sta succedendo". Per questi i primi cittadini nei prossimi giorni si recheranno anche nei mercati delle loro città per distribuire materiali di approfondimento e incontrare i cittadini. Inoltre i sindaci hanno aderito alla decisione del consiglio direttivo dell'Anci di promuovere ricorso alla Corte costituzionale contro gli articoli 4 e 16 e invitano i gruppi parlamentari di maggioranza e opposizione ad approvare un ordine del giorno per istituire una commissione, mista e paritetica, con la quale avviare un reale processo di riordino istituzionale a partire, come già promesso dal Governo, dalle regole del Patto di stabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento