"Le norme rimettono immediatamente in libertà i criminali", Muzzarelli chiede fatti al Governo

Il sindaco Muzzarelli ha ringraziato le Forze dell’Ordine per le recenti operazioni, ma si è appellato al Governo affinché chi non ha i titoli sia allontanato dal territorio

“Brave le nostre Forze dell’Ordine che, accanto alle operazioni investigative capaci di assestare colpi al traffico di stupefacenti come è appena accaduto con il sequestro di 130 chili di droga, non trascurano il costante presidio del territorio, che vuol dire intervenire laddove si verificano situazioni che mettono a repentaglio la sicurezza dei cittadini: dallo scippo ad altri reati solo cosiddetti minori, come nel caso in cui i piccoli furti perpetrati con assiduità in un negozio del centro, si trasformano anche in una minaccia per le commesse che ci lavorano”. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli commenta i recenti fatti di cronaca, soffermandosi su un certo malumore che serpeggia fra la cittadinanza di fronte a condanne considerate troppo leggere e alla presenza di clandestini che vengono sorpresi a delinquere con continuità nonostante i decreti di espulsione a loro carico.

“Una situazione in cui gli uomini della Polizia di Stato, in altri casi i Carabinieri, altri corpi delle Forze dell’Ordine o la nostra Polizia municipale – ha continuato il sindaco - sono intervenuti tempestivamente e in modo efficace. Ma non basta, se poi dobbiamo fare i conti con norme che rimettono immediatamente in libertà i responsabili e lasciano esposte le vittime. Capisco bene il senso di frustrazione con cui si possono trovare a fare i conti gli agenti che con abnegazione compiono il proprio dovere e poi vedono in qualche modo vanificato il lavoro fatto o addirittura si vedono beffeggiati da chi hanno appena arrestato”.

“Perché, chiedo io – insiste Muzzarelli rivolgendo un appello al Governo - le persone che non hanno titolo per restare sul nostro territorio, addirittura già colpite da un decreto di espulsione, sono ancora qui? Perché il Governo non appronta gli strumenti affinché ne venga disposto l’effettivo allontanamento e non certo con ‘un foglio di via a perdere’? Dallo Stato abbiamo bisogno di fatti non di parole”.

Potrebbe interessarti

  • Le migliori trattorie del centro storico di Modena

  • I 5 parchi naturali più belli della provincia di Modena

  • Dove fare barbeque e pic-nic nei parchi della provincia di Modena

  • Viaggiare in treno risparmiando: le agevolazioni per giovani e bambini in Emilia-Romagna

I più letti della settimana

  • Uccisa con un coltello dal marito, un dramma della malattia in via Alassio

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Fuori strada con la moto, 29enne muore sulla Canaletto

  • Truffa dello specchietto, famiglia con due bimbi piccoli fugge e sperona l'auto della Polizia

  • Fugge alla Polstrada per chilometri, bloccata in mezzo alla rotatoria di Baggiovara

  • Ancora un incidente sulla Canaletto, grave un motociclista 21enne

Torna su
ModenaToday è in caricamento