Supermercato Esselunga all'ex Consorzio, c'è l'accordo definitivo sull'intervento urbanistico

Provvedimento in Consiglio, in gennaio la variante. Oltre al commercio (2.500 mq), parcheggio in struttura, edilizia sociale e contributi per la riqualificazione

Esselunga potrà realizzare una medio-grande struttura di vendita nell’area dell’ex Consorzio agrario a Modena e si impegna a costruire anche un parcheggio in struttura da almeno 180 posti, che cederà gratuitamente al Comune; a mettere a disposizione quasi un milione e 800 mila euro di contribuiti ulteriori agli oneri urbanistici, per interventi di riqualificazione nel quartiere; a cedere al Comune, in permuta, un’area su via Canaletto dove sarà possibile realizzare interventi di edilizia residenziale sociale.

Sono le principali caratteristiche dell’Accordo sottoscritto tra Comune ed Esselunga per la definizione della Variante al Psc-Poc-Rue con la quale approvare il Piano urbanistico attuativo e dare il via agli interventi di recupero dell’area a ridosso del centro storico, dismessa negli anni Novanta e al centro di un lungo contenzioso con Coop per il controllo di un terreno cruciale. L’Accordo arriverà in Consiglio comunale la prossima settimana, mentre l’adozione della Variante è in programma entro gennaio e poi sarà la volta del Piano attuativo che dovrà sviluppare l’azienda.

Sempre in gennaio è previsto l’adeguamento del Pru, il Programma di recupero urbano, relativo all’area del Bando Periferie al quale aveva aderito anche Esselunga, definito sulla base del Masterplan che ha consentito l’accesso ai contributi nazionali e l’avvio dei primi cantieri pubblici già in corso. L’Accordo è relativo all’area di 51.378 metri quadri che rappresenta attualmente il comparto dell’ex Consorzio agrario, non considerando quindi i 2.916 metri quadri a ovest dell’area sui quali sono in corso interventi appaltati dal Comune per un collegamento stradale proprio nell’ambito del Progetto Periferie.

Come cambierà l'area del'ex Consorzio

Lo schema progettuale del Piano urbanistico attuativo dell’ex Consorzio agrario non prevede attualmente l’utilizzo completo della potenzialità edificatoria consentita nel comparto che sarebbe di quasi 30 mila metri quadri. E’ prevista, infatti, una riduzione di 7.209 metri quadri, tutti in capo alle aree di Esselunga che, qualora intenda in futuro sfruttare appieno la potenzialità edificatoria dovrà presentare un’apposita variante urbanistica. La potenzialità edificatoria viene così ridotta a 22.548 metri quadri.

La medio-grande struttura alimentare e non alimentare, con una superficie di vendita massima di 2.500 metri quadri e un’adeguata dotazione di parcheggi, sarà collocata a ovest del comparto nei pressi della rotatoria di viale Finzi, con ingresso alla zona commerciale da via Canaletto.

Accanto alla Casa della Salute in corso di ultimazione, quasi di fronte all’accesso alla stazione ferroviaria di Porta Nord, Esselunga si impegna a realizzare un parcheggio pubblico multipiano per circa 180 posti auto che, una volta costruito, verrà ceduto gratuitamente al Comune. L’accesso sarà dalla strada che verrà intitolata a Rita Levi Montalcini.

Nella zona centrale del comparto sono previste le aree residenziali, le zone verdi e gli spazi collettivi, con un progetto che verrà coordinato, anche rispetto alla mobilità ciclo-pedonale, con ciò che verrà sviluppato nella zona dell’ex Mercato bestiame. E’ già previsto, per esempio, un cannocchiale verde che continuerà idealmente in direzione nord, oltre via Canaletto, sulla direttrice del Campolungo.

Nella zona a Est, sul fronte di via Canaletto, il Comune avrà a disposizione un’area di 4.721 metri quadrati che potrà essere utilizzata per interventi di edilizia residenziale sociale, sull’esempio di ciò che la società di trasformazione urbana Cambiamo ha già costruito e sta costruendo nel quartiere, La superficie utile per usi residenziali è di 1.900 metri quadri. Quest’area su via Canaletto è il risultato della permuta con Esselunga alla quale il Comune cederà, senza alcun conguaglio, l’area di proprietà di 3.365 metri quadri che si trova a Ovest che si prevede rimanga a parcheggio.

Oltre agli interventi di urbanizzazione, Esselunga con l’Accordo si impegna a versare un contributo complementare extra oneri per un valore massimo di un milione e 450 mila euro e un contributo straordinario per l’assegnazione di potenzialità edificatoria di 341 mila euro. Queste risorse, per un totale che sfiora il milione e 800 mila euro, verranno reinvestite nel quartiere per interventi di riqualificazione viaria a integrazione di quelli già previsti dal Progetto Periferie, per la valorizzazione del Centro di vicinato della Sacca e l’innalzamento del livello qualitativo di attrezzature e spazi collettivi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ancora cemento

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inseguimenti e speronamenti nella notte, i Carabinieri fermano tre furgoni rubati

  • Politica

    Comparti residenziali bloccati dal Comune, parte il ricorso al Tar dei costruttori

  • Cronaca

    Residenza fasulla in Italia per intascare l'assegno di disoccupazione, marito e moglie denunciati

  • Cronaca

    Quattro abusivi sgomberati da un casolare abbandonato, uno finisce in cella

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita su un sentiero sterrato alle Piane di Mocogno

  • Donna scomparsa nei parcheggio del centro commerciale I Portali, ricerche in corso

  • Un giorno e una notte di rave party abusivo nella cartiera abbandonata

  • Frontale lungo via Nonantolana, auto nel fosso e conducente ferito

  • Ricette della Rezdora | I tortelli dolci di Natale al forno

  • Via Taglio, afferra per il collo un ragazzo e lo minaccia di consegnargli i soldi per la cocaina

Torna su
ModenaToday è in caricamento