"Crisi o non crisi, per i dirigenti comunali è sempre festa"

Nicola Rossi (Modena Futura): "Il Comune di Modena è pronto a sborsare 209.312,11 euro per premiare la folta schiera dei dirigenti, dipendenti di elevatissimo livello professionale, con stipendi già di gran riguardo (dai 70 ai 150.000 euro annui)"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

E così a ottobre le buste paghe dei dirigenti comunali, solitamente di tutti non di pochi alla faccia della meritocrazia, si gonfia del premio di rendimento. Per chi, come il sottoscritto, sostiene con fermezza il valore del merito e del tangibile riconoscimento, non dovrebbe esserci nulla di male. Tutto vero se si esula completamente dalla drammaticità del momento economico che stiamo vivendo, dalla disoccupazione di giovani e meno giovani, dagli scarsi fondi di cui dispone l’amministrazione (almeno così ci dicono) e da quanto avviene nel settore privato.

Invece il Comune di Modena è pronto a sborsare 209.312,11 euro per premiare la folta schiera dei dirigenti, dipendenti di elevatissimo livello professionale, con stipendi già di gran riguardo (dai 70 ai 150.000 euro annui). Solitamente poi l’erogazione avviene a pioggia, come per accontentare tutti e non per premiare chi ha fatto qualcosa di davvero significativo oltre al proprio dovere; forse è proprio quest’ultimo termine che andrebbe ripassato e che escluderebbe la elargizione di cifre agognate ed impensabili per chi ha un lavoro in un settore che non sia un ente pubblico o il Comune di Modena. 

Vediamo nei prossimi giorni chi e con quale criterio sarà premiato. Resta il fatto che molto meglio sarebbe stato congelare questi fondi a tempi migliori e destinarli a chi davvero ne ha necessità, come ad esempio i modenesi disoccupati che non riescono a sostenere le rette dei nidi o di servizi essenziali.

Torna su
ModenaToday è in caricamento