Residence Costellazioni, Caleidos si difende: "Accuse infondate, mai esistito un contratto di locazione"

La cooperativa finita sotto accusa spiega che i richiedenti asilo erano ospitati grazie ad un accordo di comodato d'use contrattacca nei confronti di Hyma srl: "Violazioni contrattuali e le loro pretese infondate e arbitrarie"

La cooperativa sociale Caleidos replica con una nota stampa alle dichiarazioni divulgate da Hyma srl nei giorni scorsi, nei quali la società che gestisce il Residence Costellazioni di Modena lamentava il mancato pagamento da parte della Coop di una significativa somma di denaro relativa all'accoglienza dei richiedenti asilo nella struttura. "Da agosto scorso, dunque da diversi mesi Caleidos ha spontaneamente restituito i locali di via delle Costellazioni - spiega Elena Oliva, presidente Caleidos - Siamo arrivati a questa soluzione dopo aver riscontrato il persistente e grave inadempimento di Hyma srl. Le dichiarazioni contenute nel comunicato diffuso nei giorni scorsi dalla società sono infondate e inveritiere, in particolare non è stato sottoscritto alcun contratto di locazione bensì di comodato".

La coop contrattacca: "Quello che Hyma non dice è che abbiamo fatto presente più volte le ripetute violazioni contrattuali e le loro pretese infondate e arbitrarie (a titolo esemplificativo: mancata esecuzione delle manutenzioni, errato conteggio delle presenze, applicazioni di tariffe in maniera arbitraria e maggiormente onerosa per la cooperativa). Caleidos ha più volte manifestato la propria disponibilità a definire bonariamente la controversia, ma tutti i nostri tentativi sono risultati vani. Hyma infatti ha sempre opposto un atteggiamente aggressivo e chiuso a qualunque confronto e dialogo e questo ci ha di fatto imposto di tutelarci legalmente, facendo ricorso agli strumenti previsti dal codice civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le circostanze richiamate sono state riferite in maniera puntuale alla Prefettura di Modena e al Tribunale di Modena che non ha concesso la provvisoria esecuzione dei decreti ingiuntivi. "E' utile ricordare che Caleidos è una Onlus e non persegue alcun scopo lucrativo - sottolinea la cooperativa che ha gestito in questi anni la maggior parte degli ospiti stranieri nel programma di accoglienza sul nostro territorio - E' nota la complessità dei servizi svolti dalla cooperativa su incarico della Prefettura, e anche in questa occasione si ribadisce la piena disponibilità a un confronto corretto, leale. Caleidos ribadisce inoltre la ferma intenzione a svolgere i compiti assegnati nel rispetto delle norme e dei principi che da sempre animano l'operato della cooperativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • I numeri nei Comuni: positivi e persone in isolamento in provincia di Modena

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

Torna su
ModenaToday è in caricamento