Distretto ceramico, Salvini: "I prodotti devono poter essere spediti"

Dopo l'appello di Confindustria, anche il numero uno del Carroccio interviene sul tema dell'export: "L'ho riferito al Governo"

Il leader della Lega Matteo Salvini - condividendo la richiesta che Confindustria Ceramica ha formulato ai prefetti dell’Emilia-Romagna - è intervenuto su un tema che riguarda in modo diretto il distretto modenese. “Le aziende di ceramica devono poter spedire il loro prodotto nel mondo, in totale sicurezza. Lo chiedono i lavoratori, gli industriali e alcuni sindaci come Gianfrancesco Menani di Sassuolo. Sono d’accordo: un conto è funzionare a pieno regime, un altro conto è poter consegnare il prodotto finito e fermo in magazzino, peraltro con poco personale che lavorerebbe in sicurezza e a distanza. Ho sollevato il problema con il governo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente dell'associazione industriale Giovanni Savorani, segnalando che nel sito del Governo la possibilità di trasportare le merci è confermata, aveva riferito di aver scritto due volte ai prefetti per quanto riguarda le spedizioni, in modo da consentire alle imprese del distretto di poter onorare gli ordini in portafoglio e quindi salvaguardare le quote di mercato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento