Ondulati Maranello ancora in sciopero, Cgil: "Assenti gli investimenti promessi"

Dopo lo sciopero di Novembre, la Cgil organizza 16 ore di sciopero all'Ondulati di Maranello. Era stato presentato dal sindacato un programma di cassa integrazione integrato ad un piano di investimenti, ma il sindacato lamenta l'inattuazione

Riprende la mobilitazione dei lavoratori dell'Ondulati di Maranelloazienda controllata dal gruppo Pro-Gest, ormai uno dei principali gruppi del settore cartario nazionale. E’ stato infatti proclamato, dal sindacato di categoria Slc/Cgil  insieme alle Rsu, un nuovo pacchetto di 16 ore di sciopero, le prime due ore si sono svolte già la scorsa settimana, martedì 17 marzo per il turno di notte e mercoledì 18 marzo per gli altri lavoratori. Il nuovo pacchetto di 16 ore di sciopero è la risposta al mancato rispetto degli accordi siglati presso la provincia di Modena il 26 novembre scorso per la gestione dei 27 esuberi dichiarati dall’azienda a settembre. 

Nella giornata di lunedì si è svolto il presidio davanti ai cancelli dell'azienda per la raccolta firme della campagna nazionale sulla proposta di legge Cgil sugli appalti. Un tema sensibile quello degli appalti all’Ondulati, poiché proprio il tema della re-internalizzazione dell'appalto del reparto “piega e incolla” è stato tra i punti controversi della trattativa sindacale prima dell’accordo. L’accordo prevedeva il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria per tutti i 144 addetti per 12 mesi, e contestualmente l’apertura della procedura di mobilità basata sulla sola volontarietà per 15 lavoratori. Si prevedeva inoltre, un piano di investimenti e di riorganizzazione da svolgersi durante il periodo di Cigs, tali da garantire un futuro all'Ondulati Maranello.

Ad oggi - spiega Marcello Rosvich della Slc/Cgil - assistiamo alla sostanziale assenza degli investimenti promessi per rilanciare la produzione, alla mancata discussione sulla re-internalizzazione dell'appalto “piega e incolla” e soprattutto alla mancata rotazione della Cigs fra i lavoratori”. Il sindacato lamenta in particolare un “accanimento” verso alcuni dipendenti, tra cui un delegato sindacale, che vengono posti in maniera continuativa in Cigs, senza alcun rispetto degli accordi sulla rotazione, e senza una plausibile motivazione.

 Mediamente, su oltre 140 dipendenti, sono coinvolti ogni mese dai 20 ai 25 lavoratori in Cigs, “ma il problema – continua  Marcello Rosvich della Slc/Cgil  - sono le scelte  che l’azienda attua nei confronti di una parte dei lavoratori. Infatti sono sempre gli stessi ad essere collocati in cassa integrazione a zero ore, creando notevoli difficoltà economiche a loro e alle loro famiglie. I tentativi di trovare una soluzione compreso un incontro svoltosi presso la provincia di Modena alla presenza delle istituzioni, non hanno avuto buon fine, a causa del rifiuto da parte dei rappresentanti dell'Ondulati Maranello di fare la cosa più semplice: rispettare gli accordi presi!” 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento