"Stranieri: anomalie evidenti al seggio, ma il risultato finale non cambia"

Paolo Silingardi, autore di un esposto che ha animato il pomeriggio di queste primarie Pd: "I garanti approfondiranno? Bene, vedremo cosa diranno i verbali". Il risultato finale nel seggio 2: Muzzarelli 776, Maletti 586 e Silingardi 55

Paolo Silingardi

"Il risultato del seggio 2 non cambia più di tanto la partita, dato che il voto degli stranieri si è distribuito fra i due maggiori candidati". Così Paolo Silingardi, in merito a quanto accaduto nella giornata odierna in via Padre Candido, pur rimarcando le "evidenti anomalie" che si sono viste. "Interi gruppi di stranieri hanno espresso un voto per etnia seguendo l'indicazione del leader religioso o della comunità stessa" - ha evidenziato Silingardi - Credo che alla luce di tutto ciò, sia necessaria formulare una riflessione sulla partecipazione alle primarie. I garanti approfondiranno? Bene, vedremo cosa diranno i verbali di quel seggio". A preoccupare Silingardi è il dato dell'affluenza: "Sono numeri preoccupanti - ha affermato - ci dobbiamo interrogare sul perché l'elettorato si sia sentito scarsamente motivato al voto". Per le elezioni? "Appoggeremo il candidato uscito vincente da queste primarie (Muzzarelli, ndr) - ha confermato - ma servirà più coerenza per potere vincere il 25 e il 26 maggio". Alla fine dei giochi, i conteggi in via Padre Candido sono terminati con questo risultato: Muzzarelli 776, Maletti 586 e Silingardi 55.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

Torna su
ModenaToday è in caricamento