Atalanta Sassuolo 3 - 1 | Brutta chiusura di stagione per i neroverdi

Non raggiungono l'obiettivo del decimo posto in classifica i neroverdi che perdono contro un'Atalanta troppo motivata ed esaltata per la qualificazione in Champions League

Vince l'Atalanta al termine di una partita divertente, ma piena di nervosismo. Passa in vantaggio il Sassuolo facendo preoccupare i tifosi nerazzurri, poi la squadra di Gasperini mette il turbo e ribalta il risultato portando così Bergamo in Champions League, un risultato storico. Espulsi Berardi e Magnanelli per proteste; così i due giocatori maggiormente rappresentativi della squadra chiudono malissimo la stagione.

IL MATCH - Attacca subito l'Atalanta con Remo Freuler che calcia forte da appena dentro l'area, ma il pallone esce di pochissimo dal palo. Ci riprova allora al 14' la squadra nerazzurra con Ilicic che dalla destra dell'area calcia una punizione e impegna Pegolo, sulla ribattuta arriva Gomez ancora da posizione defilata sulla destra, ma ancora Pegolo si oppone. Al 18' a gelare lo stadio ci pensa Berardi che arriva al limite dell'area e riceve un bellissimo colpo di tacco di Duncan liberando poi il destro che gonfia la rete. Momento di sconforto per la squadra di casa che vede sfumare il sogno Champions. Errore di Ilicic che non arriva all'appunto col pallone a due passi dalla porta al 24' e fa disperare i tifosi. Poi ancora l'Atalanta ci prova con Gomez che calcia a botta sicura, ma trova Demiral a opporsi di forza. Il pareggio però arriva al 34' con Zapata che viene aiutato da un rimpallo di Bourabia a un metro dalla porta e in modo fortunato trova il gol. Dopo una verifica del VAR per presunto tocco di mano, il gol viene convalidato. Al 40' azione simile a quella del gol del Sassuolo con Duncan che la passa indietro a Berardi che dalla stessa mattonella prova ancora il destro, ma questa volta Masiello si mette fra la palla e la porta. Risponde ancora Gomez che sfiora il palo con un tiro potente al 44'. Durante l'ingresso negli spogliatoi si accende un battibecco per un una testata tra due giocatori. Nella bagarre generale succede di tutto e Berardi viene espulso. Rientrati dall'intervallo l'Atalanta, forte della superiorità numerica, ricomincia a spingere per cercare di vincere questa partita e approdare in Champions senza dover guardare cosa succede sugli altri campi. Al 53' tiro dal limite di Ilicic respinto da Pegolo, sulla ribattuta va ancora il 'Papu' Gomez che questa volta la mette dentro. Scatenato Gomez che al 65' si porta sula limite sinistro dell'area a duellare con Magnanelli, poi lo salta e crossa sul secondo palo dove Pasalic, appena entrato, incorna e batte ancora Pegolo per il 3-1. Dopo quattro minuti e mezzo di consultazione del VAR, il gol viene convalidato. Prova a reagire nonostante l'inferiorità numerica il Sassuolo che fa un buon possesso nei pressi dell'area avversaria, ma l'Atalanta è troppo determinata a salvare la vittoria e chiude tutto. All'83' ancora un colpo di scena: Magnanelli espulso per proteste (secondo giallo) e il Sassuolo rimane addirittura in nove uomini. La doppia inferiorità numerica non spaventa però i neroverdi che provano con Djuricic a diminuire il passivo, ma ancora una volta i nerazzurri sono attenti e chiudono.

ATALANTA: Gollini (93' Rossi); Masiello (62' Pasalic), Djimsiti, Palomino; Castagne, de Roon, Freuler, Gosens; Gomez (93' Mancini), Zapata, Ilicic. A disp.: Berisha, Ibanez, Reca, Pessina, Barrow, Piccoli. All.: Gian Piero Gasperini

SASSUOLO: Pegolo; Lirola (92' Raspadori), Demiral, Ferrari, Rogerio; Bourabia, Magnanelli, Duncan; Locatelli (58' Djuricic); Berardi, Boga (85' Sernicola). A disp.: Consigli, Satalino; Adjapong, Marlon, Ghion, Brignola, Di Francesco, Odgaard, Matri. All.: Roberto De Zerbi

ARBITRO: sig. Doveri

RETI: 18' Berardi, 34' Zapata, 53' Gomez, 65' Pasalic

NOTE: ammoniti Ilicic, Rogerio, De Roon, Ferrari. Espulsi Berardi e Magnanelli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

  • Cadavere accanto all'auto ribaltata nel bosco, sarebbe la barista scomparsa

Torna su
ModenaToday è in caricamento