Campionato Nazionale di Pole Sport 2019: Modena protagonista

Si sono svolti lo scorso 4 e 5 maggio i Campionati nazionali di pole sport 2019 e ancora una volta è stato il Palazzetto delle Scuole Medie di Roteglia di Castellarano (Reggio Emilia) a ospitare l’evento, con il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Castellarano. La manifestazione, che ha riscontrato come nelle scorse edizioni un chiaro successo in termini di partecipazione e impegno organizzativo, rappresenta uno degli appuntamenti sportivi più importanti d’Italia per quel che riguarda la disciplina del pole sport. L’organizzazione è tutta modenese essendo la scuola Pole Sport and Gymnastics Academy di Sassuolo ad aver voluto fortemente questi due giorni “di assoluta gioia e condivisione”, come sottolinea la presidente Elisa Gozzi.

È Paolo Sarzana, vicepresidente del CSI Modena, e rappresentante del CSI nazionale a sottolineare l’importanza di questa competizione sportiva. Nell’ultimo mandato, infatti, il CSI ha istituito l’opportunità di avere campionati nazionali di sport emergenti. CSI Modena e Reggio Emilia sono due delle realtà più grosse in Italia e hanno aderito con entusiasmo alla manifestazione. Emanuela Carta, sempre a nome di CSI, sostiene il pole sport, una disciplina che ha aspetti molto positivi per il corpo e lo spirito mentre, al contrario, nell’immaginario comune vi è un’idea distorta rispetto alla realtà. Un’iniziativa pregevole e un sodalizio, quello tra il Campionato e il CSI, che costituisce un’opportunità per fare cose belle insieme in futuro. A riprova degli effetti benefici di questa pratica, il pole sport si sta facendo largo senza sosta tra i giovanissimi e non solo. Poco conosciuta ai più, in poco tempo è riuscito a guadagnarsi un posto d’onore tra le nuove discipline acrobatiche, anche e soprattutto grazie all’organizzazione di eventi di questo tipo, la tenacia di associazioni sportive e a chi concede lo spazio necessario per permettere lo svolgimento di queste attività affinchè il grande pubblico possa avvicinarvisi.

Una disciplina complicata, il pole sport, che si divide in vari sottogruppi (come il Pole Art o l’Exotic), prevede sempre l’utilizzo di un palo e della quasi totalità del corpo. Il fine è il raggiungimento di una perfetta consapevolezza del gesto tecnico che si traduce in gesto artistico. Durante la manifestazione i più abili atleti italiani, quasi 150, si sono messi in gioco per garantire una performance basata su resistenza, precisione e spettacolo. Un’esibizione a testa, costruita su una routine di gara che prevede parti di danza, acrobazie e la conoscenza di diverse tecniche (tra le più importanti, l’utilizzo del palo statico e di quello invece “spin”, girevole). Il tutto è passato al vaglio di una rigida giuria.

Tante le atlete modenesi che si sono distinte nella competizione. Tra queste, solo per citarne alcune, Veronica Silvestri, Giorgia Venturelli, Anna Giorgino, Sara Ciamaroni. I vincitori hanno potuto accaparrarsi il titolo per che gli ha permesso di qualificarsi per i Campionati Europei e Mondiali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

Torna su
ModenaToday è in caricamento