Carpi-Cittadella 1-1 | Pareggio fra le mura amiche, Melchiorri riacciuffa il Cittadella

Finisce in parità il match del “Cabassi”. Tutto nel primo tempo, veneti avanti con Schenetti, prima dell’intervallo il pareggio

Il Carpi di Calabro saluta il suo pubblico con un pareggio (1-1) contro il Cittadella al termine di un match che non è dispiaciuto per intensità e gioco da parte di due squadre profondamente diverse per struttura e filosofia, ma che per una volta sono state accomunate dalla voglia di superarsi a vicenda, fallendo entrambe l’obiettivo ma non sfigurando per nulla.   Alla fine dei 94’ è però la squadra di Venturato ad avere un pizzico di rammarico per non aver artigliato i tre punti che sarebbero serviti come il pane al Cittadella per scavalcare il Bari in classifica. Granata sempre settimi, e con ogni probabilità costretti in trasferta nel turno preliminare dei play-off.  Per il Carpi una dignitosa chiusura al cospetto del pubblico amico (scarsino per la verità in un questa ultima esibizione) ed il pensiero va certamente oltre la trasferta di venerdì sera a Bari che chiuderà il quarto torneo di serie B del club biancorosso. Appena dopo il fischio finale si scatena un acquazzone sul Cabassi, quasi a “lavare” ed a cancellare dal terreno i segni di ventuno battaglie…

LA PARTITA - Ultima in casa, il Carpi e Calabro hanno fatto professione di belle intenzioni alla vigilia, pur consapevoli di sfidare un’avversaria motivatissima nel conquistare la posizione migliore possibile nei play-off cui il Cittadella parteciperà per la terza volta nella storia, dopo il 2010 e il 2017.  I biancorossi, a secco di successi dal 28 marzo (2-1 alla Ternana),  propongono uno scacchiere simile a Frosinone, con Pasciuti davanti alla difesa e Melchiorriunico terminale offensivo. Prima gara di campionato per Serraiocco, Colombi ha problemi ad una mano e salta così la prima gara stagionale dopo aver sempre giocato in 40 gare. Pachonik e Jelenic sulla corsia destra, Poli e Garritano dalla parte opposta. In mezzo agiscono Brosco e Ligi in difesa, Sabbione e Saric a centrocampo. Nel Cittadella senza Vido non si deroga dal 4-3-1-2.  Il tecnico Venturato schiera Pasa centrale al posto di Iori, con l’inserimento di Settembrini; Schenetti dietro Strizzolo e Kouame. 

Ritmi tutt’altro che forsennati nella prima fase. Nel primo quarto d’ora da segnalare all’8’ un colpo di testa di Strizzolo alto sulla traversa su cross di Bartolomei e poi al 14’ un avventato retropassaggio di Salvi che innesca Garritano sul quale però è decisiva la pronta uscita di Alfonso.   Veneti in gol al 21’: risolutore Schenetti , abile ad approfittare di un rimpallo  vinto da Kouame a pochi passi da Serraiocco dopo un ponda aerea di Strizzolo.  Il Carpi al 24’ ha la palla buona per pareggiare, ma Melchiorri scattato oltre la difesa tira altissimo da buona posizione.  Calabro inverte le posizioni di Jelenic e Garritano e la squadra ne trarrà presto beneficio.  Al 33’ Adorni colpisce di testa alto sulla traversa, dall’altra parte al 37’ sul piede di Melchiorri càpita la palla del possibile pari, ma Varnier c’arriva e smorza in corner il sinistro dell’attaccante. Il pareggio arriva al 41’. Dopo una bella combinazione sull’out destro, con Garritano, Pachonik pesca Melchiorri solo soletto, e il numero 11 non può sbagliare con la porta granata completamente sguarnita. Per lui settima rete stagionale. Biancorossi vicini al sorpasso al 43’ con un velenoso tiro a giro di Jelenic che sfila poco lontano dal palo di Alfonso.  

La ripresa si apre con un’ottima occasione per il Cittadella, sprecata da Settembrini che “incrocia” troppo il tiro dopo un bell’assist di Bartolomei. Venturato si sbraccia e protesta per un contatto “sospetto” in area tra Brosco e Kouame, Piscopo non interviene. Al 22’ è l’ora di Mbakogu che entra al posto di Saric.  Il Cittadella non gestisce nel modo migliore un contropiede due contro due, con Schenetti che non riesce a completare il triangolo con un lanciato Kouame. Il gran caldo consiglia Piscopo di chiamare un breve “tme-out” al 25’, con i ventidue in campo che ne approfittano per rifiatare un paio di minuti. La stanchezza, tuttavia, si fa sentire nel quarto finale del match.  Venturato inserisce Chiaretti ed Arrighini in rapida successione al posto di Schenetti e Strizzolo. Al 43’ proprio Chiaretti spreca un calcio piazzato fdalla linetta dei sedici metri. I veneti spingono, ci terrebbero a superare il Bari in classifica al sesto posto. Nel 1’ di recupero è Pelagatti a spedire alto un destro dal limite. E poi una doppia clamorosa occasione per gli ospiti che si vedono negare l’1-2 sul filo di lana, prima della meritata “standing – ovation” che Calabro concede a Melchiorri al 48’. 

GOL: 21’ Schenetti. 41’ Melchiorri
CARPI (4-1-4-1):  Serraiocco 6,5; Pachonik 6,5, Brosco 6, Ligi 6, Poli 6;  Pasciuti 6; Jelenic 5,5 (29’ st Concas s.v.), Sabbione 6, Saric 6 (22’ st Mbakogu 6), Garritano 6,5;  Melchiorrii 6,5 (48’ st Verna s.v.). A disposizione Colombi, Brunelli, Capela, Verna, Giorico, Malcore, Bittante Mbaye, Calapai, Saber. All.: Calabro 6. 
CITTADELLA (4-3-1-2): Alfonso 6; Salvi 6, Adorni 6, Varnier 6,5, Benedetti 6 (5’ st Pelagatti 6); Bartolomei 6, Pasa 6, Settembrini 6; Schenetti 6 (29’ st Chiaretti 6,5.); Strizzolo 5,5 (32’ st Arrighini s.v.), Kouame 6,5. A disp.: Paleari, Iori, Pezzi, Lora, Arrighini, Maniero, Fasolo. All.: Venturato 6.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • Rubati i dati di 3 milioni di clienti Unicredit, preoccupazione anche Modena

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • "Buonasera, io sarei ricercato", ladro ventenne si presenta in caserma con la madre

  • Oltre un chilo di cocaina nascosta sotto il cofano, arrestato un trafficante

Torna su
ModenaToday è in caricamento