Carpi-Fermana 4-0 | Il Carpi è una macchina da gol, Fermana travolta

I biancorossi si impongono con un poker: doppietta di Biasci, un autogol e il sigillo di un ottimo Saric

Cinquantadue anni dopo il Carpi concede il bis, con un 4-0 alla Fermana come nella serie D 67/68. Allora il mattatore si chiamava Gianfranco Poletto che firmò una doppietta. Stasera si chiama Tommaso Biasci che aggiorna gli almanacchi dà il suo grande contributo al poker calato sul prato del “Cabassi”, riscaldando il pubblico in un freddo pomeriggio di novembre.  La squadra di Riolfo resta nella scia delle migliori e conferma una maturità da “grande” nell’aggredire questo tipo di partite. Da incorniciare la prestazione di Saric che ha messo lo zampino in tutti i gol. Novanta minuti eccezionali per l’incontenibile numero 10.   

Riolfo preserva Jelenic (match winner contro l’Arzignano a Vicenza) e riaffida a Saric il ruolo di tre-quartista alle spalle del duo Vano-Biasci. Sulla fascia sinistra si riprende la maglia da titolare Sarzi Puttini. 

Il tema del match è chiarissimo sin dalle prime battute. Ovvero Carpi a piantare le tende nella metà campo avversaria, e la Fermana a chiudere ogni varco, adoperando ogni mezzo. Arena lascia correre su un paio di interventi in mezzo al campo che avrebbero meritato il cartellino giallo. I biancorossi però trovano il gol al primo affondo, approfittando di un buco della mediana fermana (Ricciardi), con Saric che riesce a servire Biasci sottomisura, approfittando anche di un rimpallo favorevole. L’attaccante toscano non sbaglia e porta avanti il Carpi. Per lui è il quarto gol stagionale. La squadra di Riolfo raddoppia poco dopo. Ed è sempre Saric ad imperversare sulla destra, pallone al veleno in mezzo ad attraversare tutta l’area piccola e Bellini (ex Modena) si prende “paura” di Vano ed in scivolata infila la propria porta. Due a zero. Il Carpi sfiora il tris allamezz’ora con una staffilata di Biasci che sfila di pochissimo dal palo di Palombo, invano proteso in tuffo. E la Fermana? Poco o nulla. La squadra di Antonioli, timida ed impacciata, si fa vedere solo al 34’, con un sinistro fuori misura di uno scoordinato Maistrello. Al 39’ Rossoni va a sbattere su un tabellone pubblicitario dietro la porta di Nobile, si scalda Clemente, sembra essere imminente la sostituzione, poi però il giovane pesarese resiste e resta in campo. 

Nella ripresa la Fermana appare decisa a riaprire i giochi. In un paio di circostanze i  marchigiani vanno anche vicini a riaprire il match, prima con Sperotto (bravo Nobile in tuffo) e poi con un colpo di testa di Persia da distanza ravvicinata sul quale il portiere biancorosso è addirittura portentoso. Appena rimette piede nell’altra metà campo il Carpi cala il tris. Saric semina il panico al limite dell’area, la difesa prova a fermarlo come può, la palla finisce a Biasci che indovina l’angolino con uno spettacolare destro a giro. E stavolta la partita è chiusa davero. Antonioli prova a cambiarne tre in un colpo solo, ma le sostituzioni – forse tardive – non fruttano granché, se non qualche corner e poco altro. Il Carpi controlla il match a piacimento, ed al 38’ incrementa il bottino con un altro gol d’autore, del migliore in campo. Dario Saric, agevolato dal movimento di Vano che gli fa strada, finalizza alla perfezione un contropiede con una pennellata (anche lui “a giro”) che finisce nell’angolino. I biancorossi falliscono il 5-0 con Vano che si fa respingere da Palombo un pallone solo da spingere in gol. 

CARPI – FERMANA 4-0 (2-0)
GOL: 15’ Biasci, 23’ autogol di Bellini; nel s.t. 9’ Biasci. 38’ Saric. 
CARPI (4-3-1-2): Nobile 7,  Rossoni 6,5, Sabotic 6,5 (36’ st Boccaccini), Ligi 6,5, Sarzi Puttini 6,5 (27’ st Lomolino 6); Saber 6,5,  Pezzi 6,5  (19’ st Fofana 6,5), Carta 6 (27’ st Simonetti 6); Saric 8; Vano 6,5, Biasci 7,5 (36’ st Maurizi s.v.) All.: Riolfo 7.   
FERMANA (4-2-3-1): Palombo 5,5, Bellini 5 (23’ st Mantini 6), Manetta 5,5, Scrosta 5,5, Sperotto 5,5; Ricciardi 5 (14’ st Isacco 6), Urbinati 5; Iotti 5,5, Persia 5,5 (14’ st Molinari 6), Bacio Terracino 5  (14’ st D’Angelo 6);  Maistrello 6. All.: Antonioli 5,5. 
ARBITRO: Arena di Torre del Greco 5,5 (assistenti Agostino di Sesto San Giovanni e Cortinovis di Bergamo). 
NOTE: spettatori 1159 di cui 425 paganti e 734 abbonati (incasso 3259 euro, quota abbonati 4508,42). Recupero 2’, 3’. Angoli 1-8.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Droga letale, un altro ragazzo muore per overdose in zona Sacca

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Un giro di spaccio dietro la "copertura" di un autolavaggio. Sequestrato anche un mitra da guerra

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
ModenaToday è in caricamento