Sassuolo, doping: chiesti tre mesi di squalifica per Pavoletti

Trovato positivo all'antidoping per l'utilizzo di uno spray nasale da banco regolarmente denunciato e prescritto da uno specialista, l'attaccante rischia di perdere la parte clou della stagione

Si può finire nei guai con il doping per uno spray nasale regolarmente denunciato e prescritto da uno specialista? Assolutamente sì, se giochi in Italia. Ha dell'assurdo quanto sta accadendo in queste ore al centravanti del Sassuolo Leonardo Pavoletti. La giovane promessa è stata infatti deferita al Tribunale Nazionale Antidoping del Coni dalla Procura Antidoping, la quale ha chiesto tre mesi di squalifica.

Il giocatore era risultato positivo al Tuaminoeptano, uno stimolante proibito dalla normativa antidoping, riscontrata in occasione di un controllo al termine dell'incontro Livorno-Sassuolo del 26 dicembre scorso. Il Sassuolo, su questo punto, è sempre stato irremovibile: come spiegato dallo stesso attaccante nei giorni scorsi alla Procura, nei giorni precedenti il match in questione il calciatore aveva utilizzato un comunissimo spray nasale da banco regolarmente denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro alle porte di Pavullo, muore in auto un ragazzo di 19 anni

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Pesanti tagli per Unicredit, "A rischio una ventina di filiali tra Modena e Reggio"

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Carnevale 2020, tutti gli appuntamenti di Modena e provincia

  • Lite e coltellata a scuola fra due studenti. Intervengono i carabinieri

Torna su
ModenaToday è in caricamento