Calcio, Sassuolo: la fortuna di deresponsabilizzare la squadra

Quando sta per finire il girone di andata, l'allenatore in seconda Andrea Tarozzi e il preparatore dei portieri Alberto Bartoli analizzano la situazione da veterani e grandi esperti del Sassuolo

In chiusura d'anno è il momento di tirare le somme insieme allo Staff tecnico neroverde con l'allenatore in seconda Andrea Tarozzi e il preparatore dei portieri Alberto Bartoli. I due sono da anni parte della società di piazza Risorgimento e hanno contribuito a far sì che diventasse una grande squadra. Sopravvissuti al 'ricambio' estivo, i due hanno potuto imparare dagli errori della scorsa stagione: sono cambiati squadra guida e obiettivi, ma soprattutto, secondo Tarozzi e Bartoli, l'elemento più importante è stato quello di deresponsabilizzare la squadra. Partire senza pretese per vedere dove si può arrivare giorno dopo giorno.

"I nuovi arrivati - ha detto Tarozzi - sono stati bravissimi a entrare subito nell'ambiente e a capire cosa voleva mister Pea. I 'vecchi' stupiscono ogni giorno di più e tirano sempre fuori energie nuove. L'errore dell'anno scorso è stato quello di caricare troppo l'ambiente". Si è parlato molto di 'spirito di squadra' in questo Sassuolo e Bartoli conferma: "La forza è il gruppo coeso. Non ci sono singoli che abbiano meritato più degli altri e in Serie B questo è il segreto. Poi ci sono squadre più attrezzate che alla lunga torneranno a salire in classifica, ma il Sassuolo meglio di così non poteva fare".

Uno degli elementi di novità di questa stagione, che il presidente Carlo Rossi ha definito il miglior acquisto, è Fulvio Pea, una delle rivelazioni dell'intero campionato di Serie B. "Pea è molto esigente e ha una grande passione per lo studio dei dettagli - ha spiegato Tarozzi -; questo invoglia anche noi a fare il massimo. Per me questo è un anno gratificante, il primo da allenatore in seconda e sto cercando di dare tutto quello che ho. Con il Mister sono in costante contatto, ci mandiamo anche i messaggi ad orari notturni perché, per preparare le gare con la sua cura e la sua passione, 24 ore sono poche, perciò bisogna sfruttarle tutte. Svegliarmi la mattina con i suoi messaggi in cui spiega già ciò che c'è da fare - conclude Tarozzi - mi da la carica e mi fa sentire importante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento