Alla scoperta di...Carpi

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Il nostro viaggio attraverso i luoghi più interessanti del territorio modenese questa volta ha raggiunto la bassa, con la città di Carpi. Non solo questo è il secondo Comune più popoloso della provincia, ma è anche il distretto tessile più importante d'Italia.

Un vero e proprio capoluogo di fatto, quello di Carpi, che ha raccolto grazie al boom economico degli anni '50 e '60 i frutti dell'espansione del mercato tessile, ma la cui storia ha avuto inizio molto prima. Secondo la leggenda il primo edificio della città sarebbe stata la chiesa della Sagra, nota per il suo altissimo campanile.

La tradizione infatti vuole che qui il re longobardo Astolfo ritrovò il suo falco dopo averlo cercato per giorni, e per ringraziare Dio di quel giorno felice fondò in quel luogo una città. Il nome Carpi infatti deriverebbe dal luogo in cui il monarca trovò il suo falco, ovvero sul ramo di un albero di carpine. Con il passare del tempo però il nucleo centrale della città sarebber diventata piazza Martiri, la terza più grande d'Italia.

Su di essa si affaccia il castello dei Pio, la famiglia che governò il territorio carpigiano per secoli. Famosi di questo castello sono la torre principale, simbolo della città di Carpi, e la leggenda della Dama Bianca, che racconta la triste fine di una nobil donna vissuta secoli addietro.

Altrettanto interessante è la cattedrale di Carpi dedicato a Santa Maria Annunziata risalente al Cinquecento, con tuttavia interno ed esterno in stile barocco, dove si alternano magnifici affreschi con decorazioni auree di grande splendore. 

Potrebbe Interessarti

  • Tre vittime modenesi in un tamponamento in A1 - IL VIDEO

  • Apre a Modena l'Atelier che offre parrucche gratuite alle donne in trattamento oncologico

  • Il sorvolo di Modena ripreso on board dalle Frecce Tricolori - IL VIDEO

  • Animali feriti per la grandine, più di 200 in cura presso "Il Pettirosso"

Torna su
ModenaToday è in caricamento