Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Pronto Soccorso di Baggiovara: "Da noi lo sforzo maggiore durante l'emergenza"

 

Dottor Geminiano Bandiera, Direttore Pronto Soccorso, Medicina d’Urgenza e Coordinamento provinciale trauma grave, Ospedale Civile di Baggiovara: "La nostra attività si modifica costantemente per adattarsi ai continui cambiamenti necessari a gestire questa pandemia. 
Questa fase due ci impone un ulteriore sforzo per adattare la struttura e i percorsi alle nuove necessità, in un contesto in cui i volumi di attività legati all’urgenza stanno progressivamente aumentando con la prospettiva che, essendo noi l’HUB provinciale per la traumatologia e le patologie tempo-dipendenti, si debba presto tornare ai volumi precedenti alla chiusura.  

La gestione di questi maggiori volumi va effettuata mantenendo tutte le attenzioni che ci permettono di discernere tra coloro che potrebbero essere COVID positivi dagli altri. Un’attenzione che non può però prescindere dal valutare e trattare adeguatamente la patologia per cui realmente il paziente si è recato al Pronto Soccorso e che va gestita al meglio. 

Nel nostro specifico contesto, la Medicina d’Urgenza, a Baggiovara, sta ora svolgendo una importantissima funzione di filtro di tutti i ricoveri per intercettare eventuali pazienti positivi e va detto che è proprio lei che ha sostenuto lo sforzo maggiore in questa emergenza, dimostrando se mai ve ne fosse bisogno quanto sia fondamentale disporre di personale duttile e competente, capace di cambiare ruolo e funzione secondo le necessità organizzative del momento. 

Non è facile oggi immaginare il futuro, ma è fondamentale rinnovare la raccomandazione di rispettare tutte le precauzioni (mascherine, distanziamento sociale) per evitare il rischio di una recrudescenza dell’epidemia.

È doveroso infine un ringraziamento ai medici, al personale infermieristico e tecnico ed agli OSS per il loro impegno e la loro professionalità.  Considerato anche che, tra tutto il personale della nostra struttura, quello che probabilmente ha affrontato la maggiore fatica fisica e psicologica è stato proprio quello infermieristico".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento