Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa vedere a Castelvetro? Viaggio nel borgo delle torri e del Grasparossa

 

A buon titolo Castelvetro è considerato uno dei borghi più belli  d'Italia, tanto ammirato da letterati come Torquato Tasso, e nota sia come la città delle torri, sia il borgo del Grasparossa. Letteralmente immerso nelle terre del Lambrusco Grasparossa, ovvero il lambrusco che si ottiene principalmente dalle uve coltivate in zona collinare e dal rosso più intenso, Castelvetro è un borgo che si è sviluppato attorno alla produzione di questo vino prelibato e al potere dei Rangoni. Infatti, la cittadina è ricca di simboli del potere politico medievale, come la presenza di ben sette torri, la piazza a scacchiera e il castello. 

Questo è un antico territorio che già in epoca paleolitica vedeva insediamenti umanei, specialmente nelle frazioni di Galassina, Montebarello e Misiane, tuttavia le vere origini di Castelvetro sono romane, infatti precedentemente il borgo era un "castrum" ossia un accampamento militare, e dato che questo era un vecchio castrum, si definitiva castrum vecchio, e da lì i modenesi presumibilmente lo riadattarono a castelvetro.

Il suo principale sviluppo lo ebbe ovviamente a partire dall'anno mille quando fu edificato il primo castello, che tuttavia si amplierà con Bonifacio di Toscana, ovvero il padre di Matilde di Canossa. Come spiegato in precedenza questo fu uno degli avamposti della potente famiglia dei Rangone, insieme a Spilamberto e Castelnuovo, e furono loro che una volta espugnato dal potere guelfo nel 1326 fu dato in feudo a Jacopino Rangone. 

Ad affascinare i turisti sono certamente le sue numerosi torri, in particolare la Torre dell'Orologio, delle Prigioni e del Palazzo Comunale, ma anche la sua tradizione enogastronomica. Infatti Castelvetro è la cittadina principale delle terre del Lambrusco, nonché ha sede qui tra via Cialdini e Piazza Roma l'Enoteca Regionale, dove sono conservate più di 200 etichete emiliano-romagnole, nonché  la più ricca e variegata collezione di Lambrusco Grasparossa DOP e Aceto Balsamico Tradizionale DOP.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento