Alla scoperta di... Fiorano Modenese

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Quella di Fiorano è una storia così antica che affonda le sue radici a circa 6 mila anni fa, quando in zona vi era una civiltà abbastanza singolare caratterizzata per la realizzazione di oggetti in ceramica, e che passò alla storia come "cultura di Fiorano". Una tradizione che non si è mai estinta e che è giunta fino ai giorni nostri, ovvero in cui Fiorano e Sassuolo rappresentano, insieme al distretto, il 90% della produzione ceramica italiana, in particolare di piastrelle. Una zona che tuttavia prima del boom della ceramica degli anni '80 e '90 era legata per lo più alla propria storia medievale. Infatti Fiorano era considerata da modenesi e reggiani un borgo strategico per il controllo del territorio e infatti in questo luogo fu realizzato un castello. Di quel castello si raccontano molte storie tra cui la storia di un incendio a seguito di un assedio che sarebbe divampato ovunque ma senza toccare l'immagine di una Madonna nei pressi della porta d'accesso. Quella immagine lasciò esterefatti gli assalitori che per paura di avere contro di loro il Signore scapparono via. Oggi di quel castello non vi è più traccia, tuttavia con il rifacimento della piazza antistante il Santuario di Fiorano sono state scoperte le fondamenta. Un Santuario dedicato infatti alla Beata Vergine del Castello e che rappresenta uno dei più belli dell'Emilia-Romagna. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Si filmano ai 200 all'ora, muoiono poco dopo in un incidente - IL VIDEO

  • Video

    Da Milano a Roma a piedi con croce sulle spalle. Gennaro incontra i ragazzi modenesi

  • Video

    Salvini a Modena. Scontri tra antagonisti e forze dell'ordine al Novi Sad

  • Video

    Contestazione anti-Salvini. Fischi e "Bella Ciao" dal presidio Cgil

Torna su
ModenaToday è in caricamento