Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa vedere a Formigine: la terza meta modenese preferita dai turisti

 

Dopo Modena e Maranello, Formigine è la terza meta preferita dai turisti che visitano la nostra provincia e il motivo è presto detto. Infatti, non solo è uno dei Comuni più premiati d'Italia, ma non si può perdere la visita nel suo castello. Il nome della cittadina è uno dei misteri principali che avvolgono la storia di Formigine, infatti ancora oggi non si comprende quel "Forma" a cosa si riferisca, alcuni la intendono come una fossa d'acqua, di cui però non vi sono ritrovamenti, altri invece come "Formido" ovvero paura o spavento. Quest'ultima interpretazione fa pensare che il termine Formigine si possa riferire al periodo di declino di Roma, quando il territorio fu occupato da diverse tribù barbare. Di una cosa si è certi, la cittadina era abitata già dal tempo neolitico, con un susseguirsi di insediamenti di più popoli, tuttavia la sua rinascita come centro del commercio iniziò a partire dal X secolo quando si iniziò la costruzione del primo castello, che potremmo più sempliciemente definire rocchetta o mastione, per poi allagarsi nel '500 grazie a Pio. Altro luogo da visitare è certamente l'antistante Chiesa di San Bartolomeo, edificata nel 1607 ad opera dei Gesuiti di Sant'Ignazio di Loyla, grazie al progetto del padre gesuita Giorgio Soldati, anche se molti aspetti architettonici rilalgono al Settecento.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento