Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Festa di San Geminiano. Tante persone in centro storico dalle prime ore del mattino

 

Una Modena che già dalle 9 sta riempiendo le vie principali del centro storico per la festa del patrono. Come ogni 31 Gennaio i modenesi ricordano il loro vescovo, San Geminiano, vissuto nel IV secolo e grazie al quale vi fu la conversione della città. Il Santo è così nel tempo diventato il simbolo della città, e sulla sua tomba del 397, è stata edificata prima una chiesa e poi il duomo nel 1099. Un legame forte tra il Santo e la città, tanto che i modenesi vengono spesso chiamati anche Zeminian, che in dialetto significa Geminiani. Come ogni anno è lunga la coda di persone che entrano nella cripta del duomo per vedere le spoglie del Santo e chiedere la benedizione sui propri cari e sulla città. 

Una tradizione che quest'anno vedrà un piccolo cambiamento con la celebrazione della messa del Patrono non in duomo ma nella chiesa di San Francesco, a causa di lavori di ristrutturazione nella chiesa di piazza Grande. Sotto la Ghirlandina e lungo le principali vie del centro, è iniziata la tradizionale ricerca di prodotti interessanti eposti sulle centinaia di bancarelle presenti tra via Emilia, piazza Grande e corso Canalchiaro. Una tradizione che porta in centro ogni anno decine di migliaia di persone, tra il culto del Santo e la partecipazione alle bancarelle, oltre che all'attesa Corrida cittadina. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento