Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Le meraviglie scoperte nel restauro dell'organo monumentale della chiesa di San Pietro

 

Un accurato lavoro di restauro ha riportato all’antico splendore due gioielli della Chiesa Abbaziale di San Pietro: l’organo monumentale e la cantoria affrescata. Per celebrare l’avvenuto restauro la Parrocchia di San Pietro promuove “Il soffio celeste”, un ciclo di eventi che prenderà il via domani, martedì 4 giugno, con un concerto dell’organista Matthew Martin.

Lo strumento, costruito nel 1524 dall’organaro bresciano Giovanni Battista Facchetti (suo è anche l’organo della chiesa di Sant’Agostino), fu completamente ricostruito dalla “Ditta Fratelli Ruffatti di Padova” nel 1963/64, su progetto di Luigi Ferdinando Tagliavini e Paolo Marenzi, col riutilizzo del materiale antico superstite. Nel recente restauro, effettuato dalla stessa Ditta costruttrice, si è intervenuti sullo strumento senza modificare la sua storia e la sua fisionomia.

Già a seguito degli interventi eseguiti all’inizio del Settecento si erano formati diversi dissesti a causa dello smontaggio di parte dell’organo e più tardi dell'occlusione degli archi di sostegno della tribuna. Solo nel primo ‘900 si decise un primo serio intervento di consolidamento. A seguito del sisma del 2012, con l’aggravarsi del dissesto, è stata avviata un’attenta ricognizione dell’organo e della cantoria.

Dopo il delicato lavoro di rimozione di tutte le parti dell’organo dalla cantoria, il materiale è stato trasportato a Padova presso il laboratorio di restauro della ditta Fratelli Ruffatti. Alla conclusione dei lavori di consolidamento della cantoria e restauro degli affreschi, lo strumento è stato ricomposto. In questa fase, oltre a curare le sonorità delle canne del Facchetti, si è valorizzato lo strumento potenziandone le possibilità sonore, senza tradirne l’originale concezione estetica.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento