Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chirurgia post-Covid, al lavoro per recuperare il 70% degli interventi saltati

 

"La ripresa dell’attività ambulatoriale e chirurgica ha l’obiettivo di recuperare le prestazioni sospese in periodo COVID19 in un contesto che vedeva già di partenza una lista di attesa significativa sia per gli interventi all’arto superiore sia per l’arto inferiore. La nostra Azienda, infatti, è Hub provinciale sia per la chirurgia dell’arto superiore, sia per la chirurgia robotica dell’anca e per la chirurgia del piede e ortopedica pediatrica. Al momento stiamo lavorando per recuperare circa il 70% delle prestazioni sospese, grazie anche alla collaborazione con alcune strutture private e accreditate. 

Più in generale, possiamo ricordare che la nostra attività non si è mai completamente fermata, in quando la traumatologia – sia al Policlinico, sia nell’Ortopedia dell’Ospedale Civile diretta dal dottor Bruno Squarzina – e l’oncologia sono sempre state garantite, grazie all’impegno di tutti, medici, medici in formazione e personale infermieristico. 

Inoltre, anche i nostri chirurghi e infermieri hanno partecipato alla gestione dei pazienti COVID19 nel momento della massima crisi. La nostra azienda, in questo senso, è stato un esempio di grande collaborazione multi-specialistica nella gestione della crisi. 

In queste settimane abbiamo ripreso tutte le nostre attività nella massima sicurezza grazie a un protocollo preciso, concordato con la Direzione: i pazienti sia traumatici sia in elezione sono controllati, vigilati sia nel pre-ricovero, sia durante l’intervento, sia nel follow-up. Grazie al lavoro di tutti i nostri professionisti, il percorso è sicuro".
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento